Valorizzazione dei beni culturali e promozione della cultura sono due facce della stessa medaglia, nel senso che la cultura si promuove anche attraverso una conoscenza diffusa e consapevole del patrimonio storico-artistico. Del resto la valorizzazione non è da intendere soltanto come attività con fini remunerativi che stimola l’interesse per i beni culturali attraverso moderne e sempre più sofisticate forme di pubblicità, ma come utile sistema per avvicinare il maggior numero di fruitori al senso autenticamente educativo e formativo del nostro patrimonio. Va da sé che non si può fare valorizzazione senza affrontare, in via preliminare, il problema della tutela, perché non si può valorizzare ciò che non viene adeguatamente conservato. Questo è il motivo per cui un bando parallelo è stato dedicato, nel piano 2020, ai “Restauri”, mentre lo scorso anno, in coerenza con una filosofia programmatoria pensata a medio termine, un bando è stato riservato alla “Conservazione preventiva e programmata dei beni culturali”. Saranno presi in considerazione progetti solidamente strutturati, volti alla promozione della cultura attraverso la valorizzazione dei beni culturali. Attenzione particolare sarà riservata a quelle proposte che saranno in grado di mettere in moto attività educative, di conoscenza e di promozione del territorio. Ma saranno positivamente valutate anche quelle proposte che avranno come obiettivo la promozione di un turismo qualificato e consapevole.

Documenti utili

Sei interessato a questo bando?

A vostra disposizione due video tutorial per aiutarvi nell’accreditamento al portale ROL della Fondazione e per presentare richieste di contributo.

Sei interessato a realizzare una partnership? 

I tutorial descrivono le varie tipologie di partner con cui è possibile presentare una domanda di contributo alla Fondazione.