ASSISI – Tanta gente domenica 2 luglio ha preso parte alla presentazione del restauro al quale è stato sottoposto l’ organo Gabriello e Gerolamo Fulgenzi 1615 – Domenico Fedeli 1845 collocato nella chiesa parrocchiale di San Vitale, in Viole di Assisi. Sono intervenuti il parroco don Cesare Provenzi, che ha voluto fortemente l’ intervento, il vescovo Domenico Sorrentino, che ha impartito la benedizione, il sindaco  di Assisi Stefania Proietti e  Giampiero Bianconi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.
Sono seguiti i cenni storici sull’organo e la presentazione del restauro da parte di Claudio Pinchi, il concerto del Maestro Marco Cortinovis, le conclusioni di Walter Malagoli, delegato del restauro.

Per la Pasqua di due anni fa il parroco don Cesare Provenzi aveva scritto una lettera a tutta la comunità annunciando il restauro non più rinviabile dell’organo.

“Non nascondo che avevo un po’ di preoccupazione – dice don Cesare – ma ancora una volta ho lasciato spazio alla provvidenza e al gran cuore dei miei parrocchiani che hanno dimostrato il loro attaccamento per la chiesa, la parrocchia e la comunità”. Così grazie ai 17mila euro stanziati dalla Fondazione Cassa di risparmio di Perugia, i circa 21mila della Cei con l’8xmille, i 7.400 della Curia diocesana e quasi 30mila donati dai parrocchiani si è riusciti a coprire tutte le spese di restauro dell’antico organo, che ha richiesto 70mila euro.

L’ organo della Chiesa di San Vitale in Viole di Assisi è uno strumento di estremo pregio artistico e di straordinario valore storico; proviene dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli da dove è stato trasportato a Viole di Assisi dopo il terremoto del 1832. Oltre che in occasione delle liturgie verrà utilizzato anche per concerti.