Ritorno al Futuro. Una storia senza fine: luoghi, nonni e bambini

Il 14 novembre alle 17.30 in Via Santini 4 a Elce di Perugia, si inaugura lo spazio rigenerato dell’ex istituto Guglielmo Marconi. La rigenerazione di questo spazio è la prima tappa del progetto “Ritorno al Futuro. Una storia senza fine: luoghi, nonni e bambini” promosso dall’associazione Libera…Mente Donna ets insieme ad Auser Umbria Media Valle del Tevere, con l’adesione della Provincia di Perugia e del Comune di Perugia, e realizzato con il sostegno della il Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.
Un progetto che risponde all’esigenza di creare attività per i minori, vittime di violenza assistita: rivolto a bambine e bambini ed anziane ed anziani, con l’obiettivo di far rivivere locali appositamente ristrutturati, dove sono state rimosse le barriere architettoniche, attraverso un lavoro di animazione di comunità per favorire le relazioni tra generazioni diverse.

Evento Facebook

L’ospedale di Assisi può contare su una Tac di ultima generazione donata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia

L’ospedale di Assisi può contare su una Tac di ultima generazione donata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Alla presentazione dello strumento hanno partecipato il commissario straordinario della Usl Umbria 1 Luca Lavazza, il direttore medico dell’ospedale di Assisi Maria Gigliola Rosignoli, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Giampiero Bianconi e il sindaco di Assisi Stefania Proietti.

Si tratta  di un tomografo a 80 file di detettori da 0,5 millimetri, dotato di software iterativo per la riduzione della dose di radiazione e corredato di tutti i software in grado di eseguire tutte le tipologie di esami diagnostici. E’ una macchina con un gantry largo che riduce gli effetti claustrofobici, in grado di ricostruire 50 immagini al secondo in alta risoluzione. Tutte caratteristiche tecniche capaci di garantire una migliore qualità delle immagini, quindi una migliore qualità diagnostica e un minor rischio legato agli effetti delle radiazioni.

“Lo scorso febbraio – ha dichiarato il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Giampiero Bianconi – abbiamo sottoscritto l’atto di donazione e oggi, qui ad Assisi, presentiamo un intervento considerevole che grazie all’innovazione di metodi e strumentazioni va nella direzione di una sempre maggiore efficacia ed efficienza della prevenzione e delle cure. Possiamo constatare con grande soddisfazione che il rapporto di fiducia e di collaborazione tra la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e la Usl Umbria 1 è fondato su una progettualità coerente, basta su un atteggiamento di confronto e di definizione congiunta delle priorità in ambito sanitario che rinforzi la qualità dei servizi per dare una risposta puntuale a vantaggio di tutta la collettività”.

Il nuovo strumento  – ha spiegato il commissario straordinario della Usl Umbria 1 Luca Lavazza – è già attivo e andrà ad incrementare ancora di più in termini qualitativi e quantitativi l’attività di diagnostica per immagini dell’ospedale di Assisi, dove ogni anno vengono eseguiti circa 4.100 esami di cui 1.300 cerebrali e 2.800 esami body con e senza mezzo di contrasto“.

Ringrazio la Fondazione per quello che ha fatto per il nostro ospedale. Sono convinta – ha concluso il sindaco di Assisi Stefania Proietti – che sarà uno strumento che aiuterà ancora la crescita di un presidio importante per il nostro territorio”.

Sulla strada della scuola contro le dipendenze giovanili

La strada attraversa la scuola: porta qui le nostre ragazze e i nostri ragazzi e poi li conduce via, verso altre strade. In mezzo le mille occasioni, i rischi e le scommesse dell’avventura di diventare sé stessi. Sulla strada si incontrano i compagni di viaggio e le cattive compagnie – il Gatto e la Volpe, Virgilio, Sindbad il marinaio. Come potrebbe la scuola non cominciare dalla strada?

Il progetto Sulla strada della scuola, presentato lo scorso 18 ottobre presso la Biblioteca G. Rodari di San Mariano, nasce da questa riflessione, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dell’Amministrazione Comunale di Corciano, puntando ad un approccio concentrico al tema delle dipendenze giovanili e delle loro radici. La Scuola, l’Amministrazione Comunale, le associazioni ed i professionisti che hanno contribuito in questi anni al completamento educativo e formativo dei ragazzi sono coinvolti in un progetto che unisce l’aspetto didattico-educativo con quello artistico ed espressivo, coinvolgendo l’intero territorio di Corciano.

Partendo da momenti informativi e formativi dedicati agli studenti della scuola secondaria di primo grado, agli insegnanti e ai genitori, l’obiettivo è quello di sensibilizzare tutti sul tema delle dipendenze giovanili, offrendo, oltre ad uno spazio di formazione sperimentale e laboratoriale, un supporto utile alla prevenzione, attraverso

  • l’attivazione di uno sportello d’ascolto psicologico (affinché i ragazzi possano raccontare le proprie difficoltà ad un adulto professionista in grado di supportarli ed indirizzarli);
  • l’attivazione di uno sportello di orientamento basato sul coaching umanistico (affinché i ragazzi possano progettare il proprio futuro in un’ottica di prevenzione della dispersione scolastica);
  • la creazione di un contesto sano e creativo di sperimentazione, crescita e conoscenza di sé basato sulla musica e sul canto, con l’uso dei linguaggi artistici e corporei più vicini al mondo giovanile.

Il prodotto finale di questo percorso sarà la formazione di una STREET BAND dell’Istituto Comprensivo Bonfigli, in collaborazione con la Filarmonica di Solomeo, per portare sulle strade della scuola e del nostro territorio un messaggio forte e travolgente contro tutte le forme di dipendenza e di autodistruzione.

UNFORGETTABLE UMBRIA. L’arte al centro fra vocazione e committenza

La Fondazione CariPerugia Arte presenta “UNFORGETTABLE UMBRIA – L’arte al centro fra vocazione e committenza”, un racconto sul secondo Novecento in Umbria attraverso le opere di grandi artisti che qui hanno scelto di vivere e lavorare, nello spazio di una stagione o di un’intera vita.

 

Curata da Alessandra Migliorati, Paolo Nardon e Stefania Petrillo la mostra, che verrà inaugurata a Perugia nel piano nobile di Palazzo Baldeschi al Corso domani, 13 aprile, e resterà aperta fino al 3 novembre 2019, proporrà una selezione di dipinti e sculture di oltre cinquanta artisti di fama internazionale: tra gli altri, Alighiero Boetti, Alberto Burri, Alexander Calder, Giuseppe Capogrossi, Piero Dorazio, Yves Klein, Leoncillo, Brian O’Doherty, Sol LeWitt, Beverly Pepper, Ivan Theimer e Giuseppe Uncini.

 

Nella misura raccolta di una regione in cui paesaggio e memoria costituiscono un valore indissolubile, molti artisti hanno trovato la dimensione ideale per la loro ricerca, riconoscendosi intimamente nei luoghi, o, più semplicemente, cogliendone in profondità quell’identità che, in molti casi, hanno saputo interpretare e arricchire.

Ne emerge un ricchissimo mosaico di presenze e una storia densa e di occasioni espositive e interventi sul territorio, spesso favoriti da un lungimirante mecenatismo.

 

Attratti dalla splendida campagna di Todi sono stati, tra i tanti, Piero Dorazio e Alighiero Boetti; William Congdon, partito da New York, dopo aver attraversato l’Europa, nel 1959, con la conversione, si stabilisce per vent’anni ad Assisi; Giuseppe Capogrossi realizza grandi murali nell’ex convento dei Cappuccini a Gubbio; Sol LeWitt elegge la sua casa sul Monteluco di Spoleto come baricentro alternativo alla sua dimora americana. Persino Yves Klein nell’arco della sua breve esistenza ebbe modo di venire in Umbria almeno cinque volte lasciando lo straordinario ex voto nel Monastero di Santa Rita a Cascia. L’ex voto, realizzato per invocare “grande bellezza” su tutta la sua opera, è in mostra insieme a uno splendido Monocromo anch’esso lasciato tre anni prima nel Santuario.

 

Nel 1993 Piero Dorazio scriveva sul saggio ‘Vivendo in Umbria’: “Todi riscuote da qualche anno un grande successo internazionale. È una città bellissima e niente affatto provinciale; la campagna e la cultura rurale che la circondano ne fanno un sito ideale per chi esercita una professione creativa. In tutti gli anni che ho trascorso qui piano piano ho visto artisti, scrittori, professionisti stabilirvi la loro residenza [..]. Ma cosa trovano artisti e intellettuali da queste parti? Certamente qualcosa che hanno sempre cercato come me. Forse proprio l’equilibrio del vivere il fare e la meditazione che ho descritto più sopra, un bene inalienabile che la nostra civiltà sembra aver dimenticato”.


Sono solo alcune testimonianze degli ospiti illustri che in mostra vanno ad affiancarsi a due grandi umbri: Burri e Leoncillo, due maestri che, pur tra loro così diversi per linguaggio e destino, hanno entrambi avviato la loro ricerca da un profondo radicamento nell’antica cultura della regione.

 

Tante traiettorie individuali si sono intrecciate in Umbria, tradizionale crocevia culturale, anche in alcune mostre che hanno fatto epoca, come “Spoleto 62”, la grande rassegna di sculture di cui il monumentale stabile di Calder è oggi indiscusso simbolo, o “Lo spazio dell’immagine”, la rassegna che nel 1967 a Foligno fu tra le prime a verificare le nuove ricerche su “opere-ambiente”.

 

In mostra vengono inoltre presentati per la prima volta tutti i bozzetti originali realizzati dai 27 artisti per lo spettacolare Campo del Sole sul Lago Trasimeno.

 

Il prezioso catalogo, realizzato da Fabrizio Fabbri Editore anch’esso curato da Alessandra Migliorati, Paolo Nardon e Stefania Petrillo, racchiude storie, esperienze, note critiche e suggestioni a fianco di una dettagliata documentazione delle opere.

 

UNFORGETTABLE UMBRIA – L’arte al centro fra vocazione e committenza è dunque una preziosa occasione anche per scoprire o ripercorrere gli itinerari di un’arte contemporanea capillarmente diffusa nella regione, spesso in suggestivo dialogo con il tessuto dei centri storici o gli scenari unici del suo paesaggio.

VAI AL SITO 

OSMATICON – Ogni Seme MATura in un ambiente curato Insieme CONsapevolmente

OSMATICON – Ogni Seme MATura in un ambiente curato Insieme CONsapevolmente è un progetto dell’Oratorio Santa Maria Assunta di Marsciano che ha l’intento di promuovere attività di volontariato e formazione.

Il progetto è stato presentato all’evento “OSMATICON si presenta”, lo scorso 9 novembre presso l’Auditorium “Beata Chiara Luce Badano” dell’Oratorio di Marsciano.

Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ed ha come partner il Comune di Marsciano, l’Istituto Omnicomprensivo Salvatorelli-Moneta, le Direzioni didattiche del I° e II° circolo di Marsciano, l’Emporio Betlemme Caritas, l’Associazione Nazionale San Paolo Italia (Anspi), l’Abbazia Giovane di Monte Morcino, l’associazione Co.Me.Te e l’associazione Madre Speranza Onlus.


Diciotto sono i mesi durante i quali verrà portato avanti il progetto, che si pone l’obiettivo di ricostruire intorno all’Oratorio di Marsciano – e quindi intorno a tanti giovani che lo frequentano- una comunità presente ed educante.

Verranno coinvolti grandi e piccoli per sperimentare insieme la bellezza della gratuità e l’urgenza della corresponsabilità educativa.

Credere nel futuro, educando insieme!

Il nuovo Codice della crisi d’impresa, convegno nazionale a Perugia

Il convegno nazionale promosso dall’Osservatorio sulle crisi d’impresa (Oci) si è tenuto a Perugia il 25 e il 26 ottobre dalle alla sala dei Notari di palazzo dei Priori.Un appuntamento suddiviso in due giornate per discutere de ‘I soggetti e l’apertura delle procedure concorsuali’ nell’ambito del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza che entrerà in pieno vigore il 15 agosto 2020.

Oltre che dall’Oci, l’incontro è stato organizzato dalla Scuola superiore della Magistratura – Distretto didattico territoriale di Perugia, dal Centro studi giuridici e politici dell’Assemblea legislativa dell’Umbria e dal Centro studi Minciotti, in collaborazione con l’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili della provincia di Perugia e l’Ordine degli avvocati della provincia di Perugia. L’evento ha avuto i patrocini del Comune di Perugia e dell’Università degli Studi di Perugia e vede il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

“L’articolo 2 del Codice – spiegano dall’Oci – enuncia il requisito oggettivo (crisi, insolvenza, sovra indebitamento) ma soprattutto ritaglia anche le figure soggettive alle quali sono riferibili le singole procedure concorsuali e i nuovi istituti, come le misure di allerta e la composizione assistita della crisi. Obiettivo dell’appuntamento nazionale Oci, è quello di analizzare, per ciascun soggetto e a partire dalla definizione data dal Codice della crisi, l’intero percorso che porta all’apertura delle procedure concorsuali”.

Evento su Euromeeting

Nub-Pocket: i servizi residenziali in contesti di Housing

Il 30 ottobre a Palazzo Lippi Alessandri si è svolto l’incontro “I servizi residenziali in contesti di Housing” collegato alla mostra Nub-Pocket allestita nella Sala Lippi del palazzo e rimasta aperta fino al 10 novembre.

L’iniziativa rivolta a professionisti e organizzazioni impegnate nella progettazione, sviluppo, gestione di interventi abitativi, con l’obiettivo di stimolare lo sviluppo di progetti residenziali innovativi ha avuto numerose adesioni. Partendo dalla presentazione di casi esemplificativi e approcci sperimentali, già applicati con successo all’interno di housing sociale e non solo, si è discusso su nuove proposte ed ipotesi.

L’incontro è stato ideato e condotto dalla Fondazione Housing Sociale in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Prelios SGR e l’Ordine degli architetti della Provincia di Perugia.

Evento Facebook 

Cibo e benessere, gli studenti dell’Alberghiero di Assisi rivisitano i piatti tipici in chiave salutistica

In occasione dell’Obesity day, la giornata nazionale di sensibilizzazione sull’obesità organizzata dalla Fondazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica ADI, il 10 ottobre dalle 9 alle 12, gli studenti dell’istituto Alberghiero di Assisi sono stati protagonisti di un momento di riflessione grazie al progetto “confessioni dietetiche”, cui hanno partecipato all’interno della scuola descrivendo in modo anonimo i loro “peccati” sia nel mangiare che nel bere.

Gli elaborati sono stati esaminati da esperti dietisti e nutrizionisti, che hanno utilizzato queste informazioni nel corso della giornata, per avviare un dibattito, nei locali dell’istituto Alberghiero, che ha portato ad una “assoluzione” che sarà possibile attraverso stili di vita piacevoli ma sani. Gli studenti in seguito attiveranno a cascata dei processi di sensibilizzazione dei coetanei secondo il modello della peer education.

Al termine delle attività si è tenuta, presso il Digipass di Santa Maria degli Angeli (ore 12 in piazza Garibaldi), la presentazione ufficiale del progetto “Tutti in Tavola”, che nasce dalla collaborazione fra l’associazione “Arcat: il Club Famiglia” e l’Istituto Alberghiero di Assisi con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e il coinvolgimento della Usl Umbria 1.

Il progetto “Tutti in Tavola” prevede la rivisitazione dei piatti più tipici dell’Umbria, alcuni scelti tra le ricette dei nonni degli studenti, in chiave salutistica senza pregiudicare il gusto: la sperimentazione pratica sarà realizzata nei laboratori dell’Istituto, affiancando i cibi con bevande anch’esse salutari a base di verdura e frutta, quest’ultimo aspetto sarà seguito da rinomati barman.

 

La nuova mostra al POST racconta “Un inverno bestiale”

Una nuova mostra sensoriale interattiva è stata inaugurata al Museo delle scienze di Perugia : Un inverno bestiale. Strategie animali per sopravvivere al freddo è il titolo della mostra sostenuta dal Comune di Perugia e patrocinata dalla Regione dell’Umbria e dalla Provincia di Perugia, realizzata nell’ambito del progetto Post Sensory Friendly – Accessibilità e multisensorialità al museo  sostenuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Il percorso offre ai visitatori descrizioni ricche di sorprendenti curiosità sul mondo animale, immagini suggestive e postazioni sperimentali: un viaggio nella stagione più dura per gli animali che attuano le più diverse strategie per affrontare le basse temperature e la carenza di cibo grazie alle loro straordinarie e differenziate capacità di adattamento ai cambiamenti. 

L’allestimento propone trasversalmente letture rivolte ai diversi target, prevederà per la prima volta, uno spazio specifico dedicato esclusivamente ai bambini che potranno esplorare a 360° il curioso mondo della marmotta grazie a un tunnel sensoriale interattivo e l’angolo del piccolo naturalista.

Scopri di più sulla Mostra 

“ABC, bambini bene comune”, un nuovo patto educativo per il nord-est del’Umbria

Un nuovo patto educativo per il nord est dell’Umbria e un camioncino per eventi e spettacoli nelle piazze cittadine.

Un patto educativo territoriale che veda coinvolte le famiglie, le scuole, i Comuni, le associazioni di volontariato, professionisti dell’infanzia e il privato sociale e un truck che si sposti nel territorio per offrire un punto di riferimento costante e sicuro.

“ABC, bambini bene comune” è un progetto realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, che vede come capofila Polis cooperativa sociale, in partenariato con l’Associazione culturale pediatri, Lotus nascita Umbria, Comune di Valfabbrica, Istituto Comprensivo San Benedetto Valfabbrica e il coinvolgimento dei Comuni di Sigillo, Scheggia, Costacciaro, Fossato di Vico e Valfabbrica e dell’Istituto Comprensivo di Sigillo.

Il progetto prevede la creazione di un patto educativo territoriale attraverso l’attivazione di una rete di soggetti pubblici e privati chiamati a lavorare in sinergia per la realizzazione di un presidio sociale a sostegno delle famiglie, dell’infanzia e della genitorialità.

Gli strumenti pensati per arrivare all’istituzione di comunità di familiari, educatori e insegnanti al fine di sviluppare una “cultura dell’infanzia” sono:

  • il case manager, ovvero operatori territoriali esperti nella lettura dei bisogni, con la funzione di connettere la famiglia e i suoi bisogni al territorio (home visiting)
;
  • empowerment familiare: scuola per genitori (momenti di incontro tra genitori, educatori, pediatri);
  • rafforzamento della comunità educante con la creazione di gruppi di auto mutuo aiuto, rete delle mamme solidali, momenti di aggregazione e scambio tra le famiglie, banca del tempo tra i genitori;
  • presidio multifunzionale educativo e di animazione territoriale (laboratori musicali, lettura ad alta voce, educazione motoria, laboratori espe- renziali, promozione della cultura ludica);
  • eduTruck: presidio educativo itinerante con camioncino allestito per ospitare laboratori ludico-ricreativi, eventi, spettacoli e laboratori nelle aree territoriali più isolate.

Il territorio scelto per la realizzazione del progetto è quello dell’area interna Nord Est dell’Umbria, fortemente svantaggiata, lontana dai centri di erogazione dei servizi essenziali e con critiche condizioni demografiche di spopolamento e invecchiamento della popolazione.

Nei Comuni di Valfabbrica, Costacciaro, Sigillo, Scheggia e Pascelupo, Fossato di Vico risiedono 891 bambini di età compresa tra 0 e 14 anni che non hanno accesso a nessun tipo di servizio educativo oltre la scuola pubblica (non vi sono, inoltre, servizi per l’età 0-3 anni).

Gli obiettivi

Il progetto si pone come obiettivi generali il contrasto delle disuguaglianze socio-culturali e territoriali, la tutela del diritto all’educazione e le pari opportunità educative
, contribuire allo sviluppo territoriale dei servizi socio educativi 3-13 anni, diffondere buone prassi educative e potenziare la comunità educante.

Come obiettivo specifico, invece, il progetto intende aumentare gli stimoli educativi e le opportunità socio-pedagogiche, rivolti a bambine e bambini di età compresa tra 3 e 13 anni.

Le azioni

Due terzi delle azioni si svolgono a Valfabbrica, mentre un intervento itinerante coinvolgerà i Comuni dell’area interna nord est dell’Umbria. L’intento è quello di creare un presidio educativo itinerante tramite l’allestimento di un camioncino per ospitare laboratori ludico-ricreativi, eventi, spettacoli e laboratori nelle aree territoriali più isolate. L’Edu-Truck si sposterà nelle aree comunali interessate coniugando l’attività educativa di strada con l’animazione territoriale in modo da raggiungere quelle famiglie residenti nei territori più isolati. Gli educatori lavoreranno in sinergia con i case manager comunitari per coinvolgere le famiglie attraverso attività promozionali e con la collaborazione degli enti pubblici. I laboratori verranno allestiti nelle piazze nel periodo primaverile ed estivo per promuovere attività socializzanti ed educative (teatro di strada, letture e laboratori esperienziali).

Scopri “ABC, bambini bene comune”

 

Green Jobs, Eurochocolate #attaccabottone con la Fondazione CRPG per valorizzare gli studenti umbri

Dei veri imprenditori impegnati a presentare al pubblico e a commercializzare i prodotti della propria azienda. Così gli studenti delle 7 classi umbre che hanno partecipato all’edizione 2018-2019 del “Green Jobs” in occasione dell’evento del 21 ottobre a loro dedicato inserito nel programma della 26esima edizione di Eurochocolate.

Mentre le strade e le piazze di Perugia sono popolate da stand con cioccolato di ogni gusto, a loro è stata offerta la possibilità di rappresentare la propria mini startup negli spazi allestiti al piano terra di Palazzo Graziani:

⇒“CreativEAT” ha inventato il cucchiaio commestibile che se gettato via, non inquina;

⇒ “O.M.N.I.A. Social Food” ha realizzato un’originale impresa distreet foodguardando all’integrazione tra popolazioni;

⇒ “Todinature” ha pensato di sfruttare le erbe infestanti con proprietà officinali per la produzione di cosmetici naturali

⇒ “Pink4Bakery”  ha trasformato la ciaramicola in uno snack con ingredienti a Km 0 da distribuire nelle scuole tramite le vending machine

⇒ “Hydro” con le sue borracce in alluminio riciclabile, offre una alternativa alle bottigliette di plastica;

⇒ “Geolier”  ha sviluppato la produzione di gioielli sensibili ai temi etici e ambientali rappresentativi della terra umbra e prodotti con la ceramica di Deruta;

⇒ “Biociclettiamo”  ha progettato la bici intelligente che sfrutta l’installazione di motorini di avviamento delle macchine garantendo la pedalata assistita.

Prima dell’esposizione i ragazzi hanno avuto la possibilità di partecipare ad un incontro con il patron di Eurochocolate Eugenio Guarducci, che ha raccontato la sua esperienza offrendo loro una lezione fuori dai banchi di scuola.  La testimonianza è stata molto apprezzata, perché arriva da chi ha raggiunto con fatica, tenacia e creatività importanti traguardi, senza mai fermarsi.

Per i ragazzi è stata dunque una nuova occasione per carpire suggerimenti e per mettere alla prova lo spirito imprenditoriale che ha animato il lavoro svolto grazie al progetto di alternanza scuola-lavoro nel campo dell’innovazione ambientale promosso da ACRI (Associazione delle Fondazioni Casse di Risparmio Italiane) con il supporto di Junior Achievement Italia e di InVento Innovation Lab, che li ha portati a sviluppare un’idea business e a creare prodotti originali e innovativi, tutti rigorosamente green.

Lo hanno sottolineato bene il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Giampiero Bianconi e il Presidente di Eurochocolate Eugenio Guarducci, nel corso della conferenza stampa che si è tenuta questa mattina a Palazzo Graziani durante la quale è stata presentata l’iniziativa: all’insegna di #attaccabottone, il claim  di questa edizione del Festival Internazionale del cioccolato, Fondazione e Eurochocolate hanno voluto valorizzare il talento e la creatività di questi giovani dando loro un riconoscimento a lungo termine degli impatti positivi di un’educazione imprenditoriale nella scuola superiore. 

“Amici studenti – ha detto Bianconi – probabilmente domani qualcuno di voi farà un lavoro che non esiste ancora. In un momento difficile come questo la Fondazione ha il dovere di favorire la diffusione della cultura d’impressa nel campo dell’innovazione e della creatività anche per contribuire a generare nuovi posti di lavoro”. Il Presidente Bianconi ha quindi ringraziato Eugenio Guarducci “per aver messo l’Umbria al centro dell’attenzione italiana con la presenza di rappresentanti di ogni schieramento politico” e per aver condiviso l’idea di “dare risalto all’impegno degli studenti umbri che hanno dimostrato di saper competere con regioni molto più grandi della nostra”. L’Umbria, infatti, non solo si è aggiudicata la finalissima nazionale del Green Jobs con il cucchiaino di “CreativEAT”, ma è stata particolarmente apprezzata anche per l’originalità degli altri progetti.

Bianconi ha poi invitato Guarducci a proseguire tale collaborazione anche per il futuro, invito raccolto positivamente dal patron di Eurochocolate che rivolgendosi successivamente agli studenti ha detto: “Auguro a tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione del progetto Green Jobs di provare la stessa emozione che provo ogni volta che assisto all’acquisto di un prodotto ideato e creato da me. Vedere la realizzazione delle proprie idee è elemento di grandissima gioia. Per questo invito i ragazzi a coltivare i propri sogni affinché possano un giorno vederli nascere e crescere come è stato per me con Eurochocolate”.

Nel frattempo sono già al lavoro le nuove squadre umbre, provenienti dall’Istituto Istruzione Superiore Cassata Gattapone di Gubbio, dall’Istituto Omnicomprensivo “Salvatorelli-Moneta” di Marsciano e l’Istituto Omnicomprensivo “De Gasperi-Battaglia” di Norcia, che attraverso il coordinamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia prenderanno parte all’edizione 2019-2020 del Green Jobs.

#FondazioneCRPG #attaccabottone #Eurochocolate #GreenJobs #FondazioniXGreenJobs

 

New-Pocket, inaugurata a Perugia la mostra itinerante sui temi dell’housing sociale

È stata inaugurata oggi a Palazzo Lippi Alessandri di Perugia, i cui spazi sono stati messi a disposizione della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, l’esposizione itinerante di generazione urbana NUB-Pocket dedicata al concetto di abitare.

La mostra è aperta da oggi sino al 10 novembre 2019 (giovedì-venerdì 14:30-18:30, sabato-domenica 10:00-12:30 /14:30-18:30) ed è stata realizzata con il sostegno del Fondo Abitare Sostenibile Centro Italia (ASCI) -Fondo Immobiliare etico dedicato allo sviluppo di iniziative di Housing Sociale nella Regione Umbria gestito da Prelios SGR, partecipato anche dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia – e patrocinata da CDP Investimenti SGR (Gruppo Cassa depositi e prestiti).

 Presentata con una conferenza stampa tenuta a Palazzo Graziani, l’esposizione NUB-Pocket rende più flessibili e accessibili i contenuti della mostra NUB: New Urban Body da cui ha avuto origine. La mostra è un progetto di Fondazione Housing Sociale, co-prodotto da LaCittàIntorno di Fondazione Cariplo (lacittaintorno.fondazionecariplo.it) grazie alla collaborazione di CDP Investimenti SGR.

NUB-Pocket propone in particolare un approfondimento specifico sui temi dell’housing sociale e collaborativo. Inteso come modello residenziale integrato e multidimensionale, l’housing sociale rappresenta un importante contenitore di opportunità e di stimoli rigenerativi per i nostri contesti urbani. Si tratta di un programma dalle grandi potenzialità che può sviluppare progetti di qualità, ad alto impatto sociale, in piena coerenza con le migliori pratiche, nazionali ed estere. La sfida che il modello si pone non si concretizza tanto nel produrre più alloggi ma piuttosto nel cercare nuove soluzioni abitative integrate ed adeguate ad un’idea di abitare che vada oltre i confini dell’abitazione

Come la mostra estesa da cui prende le mosse, NUB-Pocket propone una selezione di interventi realizzati in tutto il mondo che raccontano l’attuale evoluzione dei modi di abitare, lavorare, incontrarsi e le conseguenze positive in termini di trasformazione delle città.

La mostra, attraverso un percorso interattivo guidato, tocca quattro ambiti specifici – abitare, lavorare, fare e partecipare, appartenere – e con un’esperienza ludica accompagna il visitatore sia nel comprendere in modo diretto e divertente i temi affrontati, sia nel confrontarsi con l’ideazione di un proprio personale progetto ibrido complesso, applicando e facendosi ispirare dai contenuti presentati nelle diverse sezioni, come pure seguendo le proprie sensibilità e conoscenze.

Sul sito www.newurbanbody.it sono consultabili il catalogo completo dei progetti selezionati e le “Pillole”, ovvero gli elementi base che, insieme all’applicazione Newurbanbody scaricabile dai principali store, permettono a ciascuno di sperimentarsi nella progettazione del proprio Nub.

All’interno della mostra sarà organizzato nella giornata di giovedì 30 ottobre a partire dalle 17.30, un incontro aperto alla cittadinanza e agli attori del territorio interessati, a diverso titolo, a partecipare a tavoli di progettazione e confronto sul tema dell’abitare collaborativo. L’incontro sarà gestito dalla Fondazione Housing Sociale in collaborazione con Prelios SGR e Consorzio Abn.

Il progetto di allestimento, che riguarda anche lo sviluppo degli apparati multimediali e degli applicativi digitali, è realizzato da ETT S.p.A. NUB è concepita come una mostra itinerante: prima di raggiungere Perugia, nella sua versione tascabile è stata inaugurata a Modena il 9 gennaio 2019 e, nella versione estesa, il 24 novembre 2017 presso la Triennale di Milano; a Roma presso il Palazzo degli Esami, il 14 Maggio; a Palermo, ospite della Facoltà di Architettura, a partire dal 15 Giugno e a Genova presso la Chiesa di sant’Agostino. Dal 9 gennaio 2020 NUB sarà infine visitabile a Torino ospite delle Officine Grandi Riparazioni.

La mostra NUB, selezionata dall’Osservatorio permanente del Design ADI, figura nell’ADI Design Index 2017, la pubblicazione annuale che raccoglie il miglior design italiano messo in produzione.

 

Arte, Attività e Beni Culturali

Educazione, Istruzione e Formazione

Salute Pubblica

Assistenza anziani

Ricerca scientifica

Sviluppo locale

Volontariato, filantropia e beneficenza

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia