Marco Mengoni in concerto gratuito apre Suoni Controvento 2019

Sarà la musica di Marco Mengoni il 21 luglio ad aprire Suoni Controvento 2019. Il festival estivo di arti performative organizzato dall’Associazione Umbra della Canzone e della Musica d’Autore con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia porterà sul palcoscenico naturale del Monte Cucco il noto cantante, che sarà protagonista di un concerto realizzato in collaborazione con Legambiente, completamente in rispetto della natura ospitante e plastic free, e porterà in scena una delle cinque tappe (l’unica a ingresso gratuito) del suo tour estivo promosso da Live Nation “Fuori Atlantico attraversa la bellezza”.

Giunto alla terza edizione,  Suoni Controvento invaderà i borghi di Fossato di Vico, Sigillo e Costacciaro dal 21 al 28 luglio con un ricco programma di appuntamenti musicali, letterari, teatrali, artistici e, tra gli altri, una serie di attività sportive di trekking e un’escursione artistica su due ruote. Proseguendo nell’intento di promuovere un suggestivo connubio di cultura, bellezza del territorio ed eccellenze locali, la kermesse anche in questo 2019 realizzerà diverse attività che andranno a valorizzare il suggestivo palcoscenico naturale del Monte Cucco. L’invito rimane quello di raggiungere i luoghi di ritrovo in alta quota percorrendo i sentieri di montagna accompagnati da guide appenniniche professioniste, in pieno rispetto dell’ambiente e sul filo del #plasticfree, come già annunciato nel caso del concerto di apertura della kermesse il 21 luglio che vedrà protagonista Marco Mengoni nella tappa del suo “Fuori Atlantico attraversa la Bellezza”.

È stata Lucia Fiumi (presidente AUCMA) ad aprire la conferenza stampa di presentazione dell’inarrestabile festival che ha visto in questi tre anni una “escalation in salita” e si conferma come “uno degli appuntamenti culturali di punta della regione Umbria”. A illustrare le novità è stato Gianluca Liberali (direttore artistico della kermesse) coadiuvato dalla vicedirettrice del Conservatorio Francesco Morlacchi di Perugia ed Emidio Domenico De Albentiis, direttore Accademia di Belle Arti di Perugia, due delle nuove realtà che collaborano alla realizzazione del festival.

Fernanda Cecchini (assessore alla Cultura della Regione Umbria) ha espresso soddisfazione per il programma del festival, progettualmente sposato dalla Regione Umbria sin dall’inizio, che andrà in scena in un periodo dell’anno (fine luglio) importante anche per il turismo. L’auspicio dell’Assessore è però, prima di tutto, che a partecipare alla kermesse siano i cittadini umbri, soprattutto coloro che non conoscono bene questa parte del territorio, affinché possano scoprirne la bellezza dei luoghi. Altro punto a favore è sicuramente la capacità degli organizzatori di unire tante realtà di rilievo, portandole a dialogare e a collaborare insieme.

Presente per la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Mauro Cesaretti che ha ribadito l’impegno a sostenere “Suoni Controvento” che sposa in pieno, tra gli altri, uno dei fattori determinanti per la Fondazione, il coinvolgimento dei giovani. Cesaretti ha poi spiegato che, valutando le varie richieste arrivate, SCV è risultata la prima meritevole dell’intervento della Fondazione, “una delle manifestazioni di maggior prestigio”.

Giuliana Falaschi (presidente GAL Alta Umbria) ha spiegato che “Suoni Controvento” è una delle manifestazioni inserite nel Gal Umbria per il suo connubio di arte e bellezza del parco naturale del Monte Cucco – scelta fatta in sinergia con i sindaci dei tre comuni – per l’attenzione dimostrata verso l’ambiente, come ad esempio nel caso della scelta platic free del concerto di Marco Mengoni, e perché va a valorizzare quello che è il luogo di maggior interesse dell’Alta Umbria.

Presenti alla tavola rotonda anche i sindaci Andrea Capponi (Costacciaro), Monia Ferracchiato (Fossato di Vico), Giampiero Fugnanesi (Sigillo), e il vicepresidente dell’Università Uomini Originari di Costacciaro, felici di vedere realizzato nei propri comuni quello che ormai è diventato uno dei primi appuntamenti di rilievo dell’Umbria, una vera e propria “boccata di ossigeno”.

Spazio all’arte con Land Art installazioni a cura degli studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia create appositamente in occasione di Suoni Controvento, visitabili per tutto il periodo della kermesse: Due spirali di Katia Baldelli (Pian del Monte, Sigillo), Controvento di Letizia Guastaveglie e Lucia Penza (Lavatoio, Fossato di Vico), Cento vessilli di Panayiotis Andreou, Deborah Fanini e Katerina Lazarou (Salita delle Macinare, via Ronchi).

Tra sound e video con la cattedra di musica elettronica del Conservatorio Morlacchi di Perugia che proporrà una Installazione video a La Piaggiola a Fossato di Vico (dal 25 al 28 luglio ore 10.00-18.00) composta da Colophonia di Andrea Staiano (video) e Nicola Cappelletti (musica), Ghosts Before Breakfast (Vormittagsspuk) di Hans Richter (1929), musica Nicola Cappelletti, Mindscape di Jacques Drouin-Mindscape musica E.Specchia e R. Ficosecco, L’etoile de mer di Man Ray (1928) musica Jacopo Cerolini, (un paseo con mi) Perro video Cris Rojas e musica di Alessia Damiani, Rusalka di V. Goncharov (1910) musica Mattia Benedetti, Wrapped di R. Kaelin F. Paeper  F. Wittmann musica di Michele Fondacci, Le retour à la raison musica di Emanuele Specchia di Man Ray (1923), Regen  di Joris Ivens (1929) musica Riccardo Tesorini dallo spettacolo “Io non ho pace” video Leonardo Giuli musica Francesco Federici. Saranno poi aperte al pubblico The sound of pollution opere cinetiche in plastica di Tiziana Fiorucci all’Antico Frantoio di Costacciaro (dal 20 al 29 luglio ore 10.00-18.00) e SoundWorld installazione interattiva performativa audiovisuale (2018) di Antonio Russo in corso Mazzini a Costacciaro (dal 25 al 29 luglio ore 10.00-18.00)

Tra le novità di quest’anno ci sono le Jazz Master Classes – Jazz Clinics tenute da professionisti della musica, ognuno con una specialità diversa, all’auditorium San Cristoforo (Fossato di Vico): giovedì 25 luglio chitarra con Umberto Fiorentino, venerdì 26 luglio basso e contrabbasso con Roberto Pascucci, sabato 27 luglio batteria con John B. Arnold, domenica 28 luglio vocal coach, bossanova e swing con Carla Meluccio, lunedì 29 luglio piano e improvvisazione con Francesco Demegni. Informazioni, costi e prenotazioni: 335 8239703 – etralabevents@gmail.com.

Anche nuovi format per SCV2019: Trekking con delitto, che vedrà la foresta Madre dei Faggi tingersi di “giallo” portando i fruitori a trasformarsi in veri e propri detective per risolvere alcuni misteriosi delitti; Libri in cammino, originali “presentazioni in cammino” di opere letterarie alla presenza dell’autore, appuntamenti realizzati in collaborazione con Umbrialibri, insieme a cui verrà anche realizzato Umbrialibri in alta quota, una rassegna editoriale umbra con presentazioni di libri, concerti e incontri letterari a Villa Anita (Sigillo). In esposizione: Ali&no editrice, Bertoni Editore, Calzetti & Mariucci, Cittadella editrice, Dalia Edizioni, Edizioni Corsare, Francesco Tozzuolo Editore, Francesco Zampa Editore, Futura Edizioni, Graphe.it, Il Formichiere, Intermedia Edizioni, Morlacchi Editore.

Non mancherà l’appuntamento con il teatro che, quest’anno, si incrocia con un’esperienza speleologica tutta da vivere. Ad andare in scena nella Grotta di Monte Cucco sarà il progetto Divina Commedia Dante-Inferno #1che vedrà protagonista la voce di Ciro Masella accompagnata dalla musica e il disegno del suono di Studio Kronos.

Due i workshop proposti: Storytelling Green tra narrazione e tutela dell’ambiente e Essere offline senza essere off, un confronto tra l’intelligenza emotiva e quella artificiale a cura della giornalista Anna Duchini.

GenitoriDuePuntoZero, “a scuola” con i propri figli per combattere le insidie del web

Per l’Istituto Comprensivo di Panicale-Piegaro-Paciano  l’anno scolastico si è concluso con la presentazione, avvenuta il 9 luglio nella sala polivalente di Tavernelle, dei progetti: Erasmus+ En.Ga.G.E. (Entrepreneurial Games For Growing Europeans)  e “Partiamo dagli adulti– GenitoriDuePuntoZero” realizzato con il sostegno dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Il primo progetto ha visto la partecipazione, per il terzo anno consecutivo, dell’Istituto che è stato Coordinatore dopo gli eventi moltiplicatori organizzati nei tre Paesi partner di progetto: Grecia, Romania, Francia  i cui delegati erano presenti all’incontro. A salutare la platea è stato Giulio Cherubini, sindaco di Panicale, che ha ringraziato per la presenza tutte le delegazioni dei paesi europei ribadendo l’importanza di questi scambi che servono a consolidare concretamente il concetto di Europa e a far crescere il confronto costruttivo tra i pesi membri.

Il secondo progetto “Partiamo dagli adulti”– GenitoriDuePuntoZero si è svolto in collaborazione con l’associazione “Web genitori” e ha  riguardato due percorsi che hanno coinvolto in primis i genitori poi gli alunni. 

L’ing. Luca Galletti in rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia che ha sostenuto il progetto, ha spiegato: “Come commissione educazione abbiamo ritenuto valido il progetto perché crediamo nella sensibilizzazione degli adulti verso le nuove tecnologie, così che siano loro stessi  a far entrare i propri figli, con accortezza e capacità, nel mondo delle nuove tecnologie. Io ho due figli e mi rendo conto di quanto è difficile e insidioso il mondo del web per questo sono convinto che, come in passato per andare in bici nostro padre ci spiegava i vantaggi e i rischi, così oggi, mettendo  a disposizione di nostro figlio un tablet, un PC e un telefonino, dobbiamo spiegare vantaggi rischi e pericoli. Un’altra cosa dove credo che i genitori debbano lavorare  molto – conclude Galletti – è nel far capire ai ragazzi che il rapporto umano è più importante di quello digitale”.

Orientamento studenti, l’Università di Perugia a portata di click

E’ stato presentato il 2 luglio il progetto ClickOrienta, strumento di orientamento a distanza per la promozione dell’offerta formativa dell’Università degli Studi di Perugia finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

L’iniziativa è stata illustrata dal Rettore Franco Moriconi, dalla professoressa Anna Martellotti, delegato del Rettore per l’Orientamento e dal dottor Fabrizio Stazi, Segretario Generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, a Palazzo Murena, sede del Rettorato dell’Ateneo perugino.

“L’aumento degli studenti iscritti provenienti da fuori regione e da paesi stranieri – ha dichiarato il Rettore Franco Moriconi – rappresenta una sfida importante soprattutto per quanto riguarda l’orientamento e, come dico sempre, non possiamo permetterci il lusso di farci trovare impreparati. Per questo, grazie al fondamentale sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e all’instancabile opera della professoressa Martellotti, l’Ateneo ha risposto con l’integrazione di tecnologie innovative in un progetto di ampio respiro e destinato a divenire fondamentale negli anni a venire. Consentirà ai nostri potenziali studenti di fruire dei nostri servizi in qualsiasi momento e in ogni luogo, trascendendo così i limiti temporali e geografici del tradizionale orientamento in presenza. Non solo, con questo progetto si rendono disponibili strumenti del tutto innovativi, che consentiranno di compiere visite virtuali ai nostri laboratori, assistere a prototipi di lezione, a open-day virtuali e molto altro ancora”.

ClickOrienta – è stato sottolineato nel corso dell’incontro – è uno strumento di orientamento a distanza rivolto all’aspetto della promozione dell’offerta formativa: un portale ben organizzato, con una struttura piramidale, che passa da una homepage collettiva a cinque spazi divisi per aree disciplinari, in ognuno dei quali sono ospitati materiali informativi e promozionali, relativi ai Dipartimenti che la rappresentano, e in ordine gerarchico, a ogni corso di laurea.

La gran parte dei materiali è rappresentata da video e infografiche, di breve durata e grande impatto: si è scelto cioè di utilizzare uno dei linguaggi più graditi al target cui il portale è destinato, i neodiplomati di scuola superiore.

La professoressa Martellotti è scesa poi nel dettaglio illustrando i motivi che hanno portato a concretizzare il progetto, grazie a un finanziamento ad hoc della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

“Degli oltre 7.600 nuovi immatricolati dell’AA 2016-17, ad esempio, solo 4.600 provengono dall’Umbria, e circa 1.200 da regioni limitrofe quali Lazio, Marche, Toscana – ha evidenziato la professoressa Martellotti citando i dati del Bilancio sociale d’Ateneo -. Il resto viene da aree più distanti, con le quali il contatto in presenza è costoso e comunque molto occasionale. Da qui la scelta di puntare su un progetto mirato, ClickOrienta: un portale con un linguaggio in grado di intercettare il target al quale è destinato, quello dei neodiplomati di scuola superiore”.

“ClickOrienta – ha affermato Fabrizio Stazi, Segretario Generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, portando il saluto del presidente – fa parte dei progetti che la Fondazione sostiene convintamente per promuovere le attività dell’Ateneo perugino, nella convinzione che la nostra Università svolga un ruolo di primo piano non solo per la crescita e la formazione degli studenti ma anche per lo sviluppo del territorio sotto il profilo culturale, economico e occupazionale. Aver contribuito a creare uno strumento calibrato sui modelli comunicativi dei giovani, che promuove l’offerta didattica con modalità innovative e all’avanguardia, significa dunque aver condiviso una sfida a cui le università italiane non possono sottrarsi: attrarre studenti provenienti da altre regioni e da altri Paesi, incentivando così la mobilità studentesca e rafforzando la visibilità dell’Ateneo su scala internazionale”.

www.clickorientaunipg.it

 

Work-lab, gite e sport: l’estate dei ragazzi in città con Teens Week

TEENS-WEEK è una proposta innovativa e sperimentale rivolta ai giovani ragazzi di età compresa tra 11 e 14 anni e nata in seno al progetto DUC IN ALTUM di ANSPI ABBAZIA GIOVANE MONTEMORCINO, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Bando Idee Welfare 2018.

TEENS-WEEK, L’ESTATE RAGAZZI IN CITTA’ nasce dall’idea di dedicare uno spazio e un tempo speciale ai ragazzi delle scuole secondarie di I grado perché il tempo estivo sia creatività in atto, conoscenza che si fa crescita, esperienza che diventa bagaglio per la vita, scoperta che si traduce in passione da realizzare o talento da coltivare. Laboratori, work-experience, escursioni alla scoperta del territorio che ci circonda, spaziando dall’ambito agro-alimentare alle nuove tecnologie, dalla fotografia all’arte, dall’artigianato alla meteorologia, dalla cura dell’ambiente all’agricoltura, in tutte le forme lavorative od hobbystiche che si sono rese disponibili a collaborare.

Due linee guida fondamentali su cui si è basata la collaborazione con enti, associazioni e rappresentati del mondo profit e no profit che hanno voluto aderire all’iniziativa: MANI IN PASTA, RUBANDO CON GLI OCCHI LA BELLEZZA DI UNA PASSIONE CHE PUÒ DIVENTARE REALIZZAZIONE DI VITA.

Ogni attività infatti sarà finalizzata alla scoperta delle proprie attitudini e dei talenti nascosti da riconoscere e far emergere nel cammino verso l’età adulta. Il presidente dell’associazione e responsabile dell’Ufficio diocesano di Pastorale Giovanile, don Luca Delunghi, così parla dell’iniziativa: “Se dovessi riassumere in una frase questa proposta sperimentale, direi che si tratta di un’innovativa opportunità di crescita per i ragazzi, di un’occasione per tanti adulti di vivere la corresponsabilità educativa nel servizio volontario di auto-mutuo-aiuto e di una grande possibilità per le realtà lavorative e associative del territorio di farsi conoscere dai giovani che molto presto saranno chiamati a investire la propria vita in un preciso progetto di studio e di lavoro”.

ANSPI ABBAZIA GIOVANE MONTEMORCINO ha una duplice ambizione: da un lato proporre un servizio innovativo rispetto a quanto già messo in campo fruttuosamente da associazioni e oratori in ambito educativo e ludico-aggregativo, con azioni finalizzate specificatamente all’acquisizione di nuove competenza, alla conoscenza dei propri talenti, alle buone prassi già vive sul territorio ma che necessitano di essere messe in rete; dall’altro lato ha l’ambizione di agganciare e attivare volontari, giovani e adulti, nonni, e persone che vivono nel centro città, perché quanto proposto dal progetto  nel tempo si possa autosostenere e rigenerare per il bene comune della nostra zona sociale. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza il sostegno e la “rampa di lancio” economica, strutturale e di competenze sulle nuove forme  di welfare di comunità, che la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha messo in campo con questo bando.

Che cosa faranno allora in questa settimana i ragazzi che tutti i giorni, dalle 8.00 alle 16.00, si daranno appuntamento in Abbazia? Si cimenteranno alla scoperta del mondo della comunicazione attraverso gli strumenti digitali per costruire relazioni significative e imparare a dare il giusto peso alle immagini e alle parole, sperimenteranno l’arte della trasformazione casearia, andranno alla scoperta delle arti e dei mestieri che si annidano tra i vicoli di Perugia, scopriranno il valore di attività manifatturiere socialmente utili, proveranno a installare una stazione meteorologica entrando in rete con un mondo amatoriale  che svolge un prezioso servizio alla collettività e poi ancora l’arte della giocoleria a servizio della felicità, la conoscenza del territorio per allenarsi al futuro e agli spazi di co-working, l’animazione e la promozione sportiva per la crescita integrale della persona, l’agricoltura solidale, la cura dell’ambiente.

Nel cammino della progettazione sociale a servizio del bene comune tre saranno i progetti che si intrecceranno in quest’esperienza per la reale co-costruzione di uno welfare di comunità in cui la rete sia fattiva e fruttuosa: insieme a Perugia per i Giovani Onlus, infatti, vivremo una mattinata di gioco, conoscenza e scoperta delle proprie competenze con il Third Millennium Youth Skills Kit, realizzato da ANSPI nell’ambito del progetto Terzo Sapere, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (avviso 1/2017); grazie alle ACLI PROVINCIALI conosceremo il valore dell’agricoltura solidale con LE SERRE DI MALIKI, progetto di agricoltura sociale che è in pieno svolgimento nel parco agro solidale urbano di Montemorcino; infine grazie al progetto MUSAE, Musei Uso Sociale e Accessibilità come contrasto all’Emarginazione, dell’associazione Key & Key Communications, i nostri ragazzi si cimenteranno alla scoperta della lingua dei segni insieme ad alcuni ragazzi dell’Ente Nazionale Sordi. Tutte le collaborazioni attivate e i dettagli dell’iniziativa sono visibili nel nostro sito internet alla pagina.

VAI AL SITO 

Universo Assisi ai nastri di partenza, un ricco programma dal 20 al 28 luglio

Dal 20 al 28 luglio torna Universo Assisi 2019 con un programma ricco di proposte originali e innovative che trasformeranno la città in un festival di cultura, musica, arte, danza, architettura, teatro e in un crocevia di eventi, concerti, dibattiti e performance nei luoghi più suggestivi.

Quest’anno il direttore artistico Joseph Grima ha voluto aumentare l’offerta artistica per favorire un movimento continuo di pubblico, sia esso turistico, di prossimità o di cittadini.

Il filo conduttore che caratterizza la terza edizione di Universo Assisi 2019 – evento realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia – è il tema della sostenibilità ambientale. Proprio quest’anno ricorre il quarantesimo anniversario della proclamazione di San Francesco a patrono dei cultori dell’ecologia, e una manifestazione come Universo Assisi è con convinzione all’insegna del rispetto della natura, all’insegna dell’ecologia ambientale e dell’ecologia umana, a partire dalle scelte tecniche di organizzazione all’utilizzo di materiali non inquinanti, alla messa al bando dell’acqua in plastica con l’uso di borracce e fontane pubbliche, all’individuazione di location che permettono l’esaltazione della bellezza paesaggistica di Assisi.

Tutta la Città viene coinvolta nei suoi luoghi simbolo e in luoghi segreti e sconosciuti, e per la prima volta vede come palcoscenico il Sagrato della Basilica Superiore di San Francesco, dove prenderanno vita i due grandi eventi di apertura e chiusura: il 20 luglio ore 22 “EMOZIONI” di e con Mogol, uno spettacolo con 16 elementi in scena che ripercorre la storia dello straordinario sodalizio con Lucio Battisti, evento che ha incassato il sold out all’Auditorium Parco della Musica. La chiusura del 28 luglio, sempre davanti allo stesso magnifico scenario, è affidata a KRONOMAKIA, spettacolo che unisce la musica storica dei Micrologus e di Patrizia Bovi all’eclettismo contemporaneo e sopra le righe di Daniele Sepe.

Altra novità è la creazione di una Piazza dell’Architettura, che trova spazio sotto le arcate della Basilica di Santa Chiara. Una vera e propria struttura temporanea, aperta, dinamica, interattiva, accogliente, che vedrà la firma dell’OPEN DESIGN SCHOOL di Matera a suggello della collaborazione tra la capitale della Cultura europea 2019 e Assisi. Un esperimento straordinario di architettura urbana e sociale che vuole mostrare come sia possibile la convivenza tra idee contemporanee e la bellezza senza tempo dei monumenti storici.

Si parte il 23 luglio ore 22.00 con la band dei SUBSONICA, che presenta il nuovo album “8” con un costo speciale di € 18,00. Al concerto seguirà un’esclusiva assoluta per Universo Assisi e cioè la performance speciale del 24 luglio che vede il gruppo esibirsi alle 18 sugli ormai “mitici” Stazzi del Parco del Monte Subasio con WALK FOR THE PLANET. Il pubblico è invitato a raggiungere a piedi il luogo, per vivere un’esperienza unica in cui gli artisti racconteranno in musica le proprie esperienze letterarie.

Sempre alla Lyrick Summer Arena con altri due appuntamenti firmati in collaborazione con RiverRock. Il 24 Luglio ore 22 SHINE PINK FLOYD MOON, il nuovissimo spettacolo di danza firmato dalla Compagnia Daniele Cipriani Entertainment con regia e coreografie di Micha Van Hoecke sulle musiche dei PINK FLOYD LEGEND ORCHESTRA.

Il 27 Luglio dalle 22 una grande serata con gli HOOVERPHONIC, la storica band belga, ormai prossima ai 25 anni di carriera torna, dopo i successi mondiali di canzoni come Mad about you e Anger never dies, con un nuovo album e un nuovo tour.

Altra importante novità è la Piazza del Comune che diventerà l’Agorà di Universo Assisi. Tutti i giorni dalle 18 alle 22 si alterneranno eventi musicali e talk di livello nazionale e internazionale, con presentazioni di libri, confronti sull’attualità e serate a tema. Il Conservatorio di Perugia proporrà i suoi migliori allievi con performance di musica classica, coordinati dal direttore Piero Caraba. Una importante sezione in collaborazione con la Fia (Fondazione Internazionale Assisi) del presidente Giulio Franceschini. Ad animare la Piazza del Comune dj set e musica dal vivo, e anche laboratori per bambini, incontri e altre performances a sorpresa.

Proprio nell’Agorà il 26 luglio si vuole ricordare la celebrazione del cinquantesimo anniversario del gemellaggio con San Francisco che sempre nel mese di luglio, dal 9 all’11, prevede una serie di festeggiamenti per incorniciare l’evento.

Sul Sagrato del Duomo di San Rufino sono previsti due concerti il 25 e il 26 luglio da non perdere: il primo con Goumar Almoctar, detto BOMBINO, il re del desert blues, noto come il Jimi Hendrix del deserto; il secondo con KYOSHINDO, formazione artistica impegnata a far conoscere il Taiko in Italia.

Per il teatro si propone una trilogia dedicata a Pier Paolo Pasolini dal titolo PPP/VITA ATTRAVERSO per raccontare il legame profondo che unisce il grande intellettuale ad Assisi.

Universo Assisi unitamente al Piccolo Teatro degli Instabili di Fulvia Angeletti sta ideando una collaborazione originale di spettacoli teatrali che si terranno nell’area della Rocca Minore (Rocchicciola) e in altri luoghi della Città.

Un altro aspetto del festival è rappresentato dalla valorizzazione dei Secret Places, i luoghi segreti della Città, meno conosciuti, meno esplorati che vedranno l’esibizione di attori, danzatori e musicisti.

Sempre in collaborazione con la FiA e con il supporto del Sacro Convento e del direttore Padre Giuseppe Magrino, il 21 e il 23 giugno si terranno due anteprime di Universo Assisi, la prima con un concerto all’alba sul Sagrato della Basilica di San Francescoper salutare il solstizio d’estate grazie all’orchestra del Conservatorio di Perugia e la seconda con un concerto al tramonto davanti al Sagrato del Convento di San Damiano.

Ambasciatori dell’Umbria nel Mondo, a Rosario Giuliani il premio 2019

«Tenacia, talento, una profonda passione per la musica tutta e una grande tecnica hanno condotto Rosario Giuliani alla ribalta della scena europea e internazionale, facendo parlare la critica come di una vera e propria rivelazione, une bénédiction a detta dei francesi».

Sono queste le motivazioni con cui la Fondazione Cassa di risparmio di Perugia ha deciso di assegnare quest’anno il premio «Ambasciatori dell’Umbria nel mondo» al sassofonista classe 1957.

Il riconoscimento, consegnato dalla Vice presidente Cristina Colaiacovo lunedì 15 luglio al Teatro Morlacchi in occasione del concerto con Alessandro Lanzoni, Luca Fattorini e Fabrizio Sferra, conferma il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ad Umbria Jazz, una collaborazione naturale tra due realtà che pur nascendo e avendo il loro centro vitale nel territorio hanno assunto negli anni una rilevanza ed un prestigio che travalica i confini regionali. Nell’ambito di questo impegno la Fondazione ogni anno consegna il premio, destinato a musicisti che hanno portato e tenuto alto il nome dell’Italia e dell’Umbria nel mondo, facendosi ambasciatori di un modo di essere e vivere la cultura che è nel dna del nostro paese.

Negli anni passati sono stati premiati grandi nomi del panorama musicale che hanno fatto, e stanno facendo, la storia e la fortuna di Umbria Jazz: Enrico Rava, Renato Sellani, Giovanni Tommaso, Stefano Bollani, Francesco Cafiso, Roberta Gambarini, Franco D’Andrea, I Solisti di Perugia, Danilo Rea, Enzo Pietropaoli, Giovanni Guidi, Fabrizio Bosso, Rita Marcotulli, Paolo Fresu Quest’anno:viene assegnato a musicisti che «hanno portato e tenuto alto il nome dell’Italia e dell’Umbria nel mondo, facendosi ambasciatori di un modo di essere e vivere la cultura che è nel dna del nostro paese».

Giuliani è da tempo uno dei jazzman italiani più famosi in Italia e all’estero in particolare in Francia dove ha registrato a lungo per la Dreyfus Jazz.  Solo negli ultimi anni ha avuto modo di suonare in U.S.A., Giappone, Russia, Siberia, Germania, Spagna, Francia e Cina, anche in festival e tour organizzati proprio da Umbria Jazz.  Vincitore del premio intitolato a Massimo Urbani nel 1996 vanta un palmares di tutto rispetto.

 

FuoriPorta e Numero Zero: un centro psichiatrico e un circolo con ristorante gestito dai pazienti

“Pazienti psichiatrici che studiano da cuochi, la nascita di un piccolo orto, una radio della salute mentale che muove i primi passi, un cineforum settimanale, laboratori vari, incontri mensili dell’Associazione banca del tempo di Perugia». Ecco, nelle parole dei promotori, cosa accade già quotidianamente nella struttura psichiatrica gestita dalla Fondazione La Città del Sole – Onlus, attiva dallo scorso 5 febbraio, che domenica 23 giugno ha aperto ufficialmente le porte alla città e ai perugini.

Nato dopo oltre 16 anni di lavoro in convenzione “sperimentale”, FuoriPorta, centro accreditato dalla Regione Umbria realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, andrà ad allargare l’offerta della Fondazione. Dallo scorso 5 febbraio i pazienti in carico alla Fondazione hanno quindi una nuova e importante struttura per attività di formazione/lavoro e di tempo libero, il Centro diurno psichiatrico FuoriPorta.

E non finisce qui. A settembre, infatti, grazie alla collaborazione con l’Associazione RealMente, nelle stesse stanze nascerà Numero Zero. «Numero Zero – spiegano ancora – si presenta sin da subito non solo come un progetto, ma come un contenitore polifunzionale che vuole divenire indispensabile per la vita culturale e relazionale della città. Nascerà come circolo socio-culturale con annessa attività di somministrazione/ristorazione, circolo che sarà aperto 6 sere a settimana + pranzo della domenica. Sarà un circolo vero, per quanto organizzato come una vera e propria attività commerciale. A tutti coloro che vogliono accedere e fruire delle attività socio-culturali e/o del ristorante verrà chiesto di tesserarsi, e l’attività di somministrazione sarà complementare e di sostegno a quella socio-culturale, con diversi eventi settimanali. Tra gli altri, il valore aggiunto di Numero Zero sarà sul versante del personale: spesso, infatti, sarà una persona con disagio mentale ad accogliere gli avventori, a servirli a tavola, a cucinare per loro. Il progetto prevede infatti che, a regime, il 50% della forza lavoro del Circolo dovrà essere costituito da persone in carico ai Servizi psichiatrici territoriali, dapprima attraverso l’attivazione di tirocini e borse-lavoro, fino al momento in cui i proventi dell’attività non consentiranno di riconoscere loro contratti di lavoro».

Job Line, percorsi di continuità tra scuola e lavoro per giovani con disabilità

Si è tenuto venerdì 21 giugno, presso la sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, il convegno conclusivo del progetto “Job Line. Percorsi di continuità tra scuola e lavoro per giovani con disabilità”. Nella cornice della Sala delle Colonne di Palazzo Graziani sono stati presentati alla stampa e alla cittadinanza i risultati del progetto, che ha visto protagonisti neo-diplomati di cinque scuole della provincia di Perugia impegnati in tirocini extracurricolari presso aziende del territorio.

All’incontro hanno preso parte rappresentanti delle Istituzioni pubbliche, della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, della cooperativa sociale Frontiera Lavoro e delle scuole coinvolte (“Cavour-Marconi-Pascal” e “Giordano Bruno” di Perugia, “Salvatorelli-Moneta” di Marsciano, “Mameli-Magnini” di Deruta e “Rosselli-Rasetti” di Castiglione del Lago).

Realizzato grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia “Job Line. Percorsi di continuità tra scuola e lavoro per giovani con disabilità” ha permesso alla Cooperativa Sociale Frontiera Lavoro di attuare un percorso chiaro e condiviso fra scuola, famiglia e servizi specialistici socio sanitari, con l’obiettivo di evitare l’isolamento che può incombere in questo delicato momento.

Al termine di quest’esperienza, durata cinque mesi, i ragazzi insieme alle loro famiglie e insegnanti porteranno la loro esperienza vissuta al termine della scuola, prima del proseguimento degli studi o della ricerca di un lavoro. Quello dell’inclusione sociale è infatti un tema rilevante nel territorio, soprattutto per i diversamente abili, che vivono periodi di vero disorientamento per la mancanza di piani occupazionali individualizzati.

Promozione della musica e del territorio: con due anteprime si apre il Pan opera festival 2019

Si conferma come un “presidio artistico territoriale” per la tutela e la promozione della cultura musicale ed è pronto ad andare in scena per la sua quinta edizione.

È il Pan opera festival, la kermesse dell’associazione TéathronMusikè dedicata all’opera lirica e in particolare al genere di teatro musicale opera da camera, in programma a Panicale dal 5 al 22 settembre al teatro Cesare Caporali, con due anteprime il 28 luglio e il 10 agosto in piazza Masolino. Oltre che per il suo cartellone di alto livello artistico, il festival, organizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e il contributo del Gal Trasimeno e Orvietano, quest’anno si caratterizza per l’intenzione “di rafforzare le reti creative e culturali del territorio, grazie ai rapporti di collaborazione artistica con altre associazioni, e di valorizzare il contesto architettonico-urbanistico di Panicale”.

Venendo al programma, si inizia domenica 28 luglio alle ore 19.30 in piazza Masolino, pittoresco scenario alla sommità del Castello, con la divertentissima opera Don Pasquale di Gaetano Donizetti in forma semiscenica, in collaborazione con l’associazione Pocket Opera di Gubbio. Si prosegue il 10 agosto, stesso luogo stessa ora, con “uno sprizzo di eleganza dal mondo dell’opera” per un Gran gala di Opera e Operetta con divertenti sorprese e brindisi sotto le stelle nella sera di San Lorenzo.

Il festival si trasferisce poi nello storico teatro Caporali con un nucleo di produzioni operistiche allestite e prodotte in sede, tre titoli che costituiscono il clou della stagione: il 5 settembre ‘I disastri all’Opera 2.0’, gala lirico che narra i ‘fiaschi memorabili’ nella storia del teatro operistico (musiche di Pergolesi, Mozart, Rossini, Verdi, Bizet, Puccini), 14 e 15 settembre ‘Livietta e Tracollo’ (Giovan Battista Pergolesi) e si chiude il 21 e 22 settembre con L’inganno felice (Gioachino Rossini).

Tra le novità di quest’anno c’è una nuova sezione del festival Panoperaround che prevede diverse attività, guide all’ascolto delle opere, concerti nelle chiese di Panicale, una Messa in musica e una particolarissima mostra di modellini di costumi del costumista Carlos Tieppo, firma di molti spettacoli del teatro La Fenice di Venezia.

Per prenotare gli spettacoli in Piazza Masolino e al teatro Caporali: tickets@tmusike.it, 351.9442515.

“Una mano per ANT”, avviato il servizio famiglia per i malati oncologici

 

 

E’ stato un bel pomeriggio di musica nei locali di Umbrò, a Perugia, in compagnia di Nicola Gasbarro, in arte Nick “Wendnow”. L’evento  si è tenuto il 27 giugno in occasione della presentazione alla cittadinanza da parte della Fondazione ANT  dei risultati del primo anno di avvio del Progetto “Community Welfare per il malato oncologico perugino” realizzato con il sostegno della Fondazione Cassa di Perugia.

Tre le linee di azione fondamentali del progetto:

  • assicurare agli assistiti e alle loro famiglie un adeguato supporto psicologico;
  • favorire una partecipazione pro-attiva della comunità territoriale; 
  • avviare anche a Perugia il Servizio Famiglia ANT, ossia il nucleo operativo che supporta le famiglie degli assistiti svolgendo commissioni, assicurando compagnia, accompagnandoli ai luoghi di cura, provvedendo a fornire al loro domicilio presidi medici utili per migliorare la qualità della vita.

In rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha partecipato il prof. Fausto Santeusanio, Mendico endocrinologo e Docente presso l’Università degli Studi di Perugia che ha riservato parole di lode per il servizio di assistenza oncologica domiciliare di Fondazione ANT. Egli stesso, infatti, ha avuto modo di conoscere da vicino l’operato della equipe medica ANT, nel seguire il caso di un malato oncologico a Perugia.

Durante il pomeriggio è stato presentato in particolare il percorso fatto da 17 volontari socio assitenziali, che animeranno il Servizio Famiglia ANT, attraverso un fotoracconto a cura di Chiara Putini.

Chiara ha narrato le storie e le emozioni dei volontari che hanno animato in questi mesi   il Servizio Famiglia per i malati oncologici assistiti da ANT in Umbria.

 

Dottorati e laboratori innovativi, Fondazione CRPG e Università per Stranieri insieme per la ricerca

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e Università per Stranieri ancora insieme per la ricerca. Questo lo spirito di fondo dell’accordo 2019 siglato a Palazzo Graziani dal Presidente della Fondazione Giampiero Bianconi e dalla Rettrice dell’Ateneo Giuliana Grego Bolli. Un accordo che conferma il sostegno dato negli anni alla Stranieri dalla Fondazione nell’ambito del Documento Programmatico Triennale 2017-2019 per un’attività strategica quale è quella della ricerca: “Contribuire a valorizzare il potenziale dei giovani che hanno idee dal forte contenuto innovativo – ha detto il Presidente Bianconi – e ad accrescere il livello qualitativo della didattica, è fondamentale non solo per facilitare il dialogo tra il mondo Accademico e quello produttivo e, dunque, anche le positive ricadute occupazionali che si possono avere nel territorio, ma anche per alimentare la competitività richiesta dal velocissimo processo di internazionalizzazione”.

 

Nello specifico l’intesa oltre garantire il potenziamento dei dottorati che interessano il corso di “Scienze, Letterarie, librarie, linguistiche e della comunicazione internazionale” prevede l’attivazione di un laboratorio di ricerca in tecnologie didattiche volto all’innovazione dei metodi di insegnamento e alla messa a punto di azioni all’avanguardia per la didattica.  A tal fine verranno attivati due assegni di ricerca per lo sviluppo di tecnologie e-learning in supporto alle conoscenze acquisite nei corsi di laurea e della lingua italiana, nonché per attività di analisi avanzata delle pratiche di insegnamento collaborative, sperimentazione di nuove strategie didattiche, machine learning e intelligenza artificiali per analizzare i dati prodotti dalle attività degli apprendenti. Come sottolineato dalla Rettrice Grego Bolli, la firma “rappresenta il proseguimento di un percorso e di una collaborazione proficua e basilare che va avanti da tempo. Ci auguriamo di proseguire in futuro lavorando insieme allo sviluppo di progettualità condivise che possano dare una spinta concreta alla crescita del territorio, a beneficio di tutta la comunità”.

 

E tu, Uomo? La musica “dal profondo” filo conduttore dalla Sagra Musicale Umbra 2019

“…e tu, uomo? La musica dal profondo”. Sarà un vero e proprio viaggio nel rapporto ancestrale dell’umanità con la musica la 74a edizione della Sagra Musicale Umbra, il più antico festival della regione, in programma dal 7 al 22 settembre 2019 a Perugia e in altri 7 comuni dell’Umbria (Assisi, Montefalco, Norcia, Panicale, San Gemini, Torgiano, Trevi).

Il programma è stato presentato nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta il 14 giugno 2019 nella Sala Rossa di Palazzo dei Priori di Perugia alla quale sono intervenuti Fernanda Cecchini, assessore alla Cultura, Regione Umbria, Anna Calabro, presidente Fondazione Perugia Musica Classica onlus, Enrico Bronzi, direttore artistico Fondazione Perugia Musica Classica onlus e Sagra Musicale Umbra, Fabrizio Stazi, segretario generale Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e Roberta Migliarini, dirigente responsabile Area Servizi alla Persona, Comune di Perugia.

“L’esigenza antropologica fondamentale di produrre suoni e usarli per scopi comunicativi, sociali e funzionali – spiega Enrico Bronzi – è una realtà incontrovertibile. Si è sempre cantato o suonato per esprimere l’amore, per superare il lutto, per celebrare le feste, per rivolgersi alla divinità e alludere all’ineffabile, per scandire il ritmo di lavoro, per affermare l’identità di una comunità, per liberare l’espressività del corpo e persino per superare il confine della coscienza”. La Sagra Musicale Umbra 2019 prenderà il via con una doppia anteprima, sabato 7 settembre al Teatro Clitunno di Trevi, con il violoncello di Giacomo Cardelli e il pianoforte di Margherita Santi, e domenica 8 settembre, all’Abbazia di San Nicolò di San Gemini, con Trio di Parma e il concerto Dal Danubio allo Shannon: tre secoli di popolaresco nella musica da camera.

In rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia il segretario generale Fabrizio Stazi ha confermato “l’impegno a sostegno della Fondazione Perugia Musica Classica onlus e della Sagra Musicale Umbra, perché siamo convinti che la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale del territorio contribuisce in maniera decisiva ad aiutare le persone e le comunità”.

Per il concerto inaugurale ci si sposterà ad Assisi, venerdì 13 settembre nel Sagrato della Basilica Superiore di San Francesco, con l’Orchestra da Camera di Perugia, diretta da Enrico Bronzi, e la Compagnia di Danza di Nicola Galli. In programma, anche la Suite dal balletto Nobilissima Visione (1938), versione per piccola orchestra: a settant’anni esatti dalla prima italiana al Maggio Musicale Fiorentino, la Sagra Musicale Umbra porta in scena una produzione originale tratta dalla suite orchestrale dell’opera di Paul Hindemith, con la coreografia della Compagnia di Nicola Galli, una delle realtà più promettenti della danza contemporanea.

Nei giorni del festival, il “rapporto col canto originario sarà declinato in molti modi e attraverso molte sfumature – prosegue il direttore artistico – dai modi del canto magiaro” al collage sinfonico-etnico dell’Oriente di Tan Dun, con il concerto per video e orchestra The Map, sabato 21 settembre all’Auditorium S. Francesco al Prato di Perugia con l’Orchestra della Toscana insieme al violoncellista Giovanni Sollima, diretti da Enrico Bronzi. Dal popolaresco “a la mode” reinventato da Haydn e Brahms, al canto georgiano polifonico che per primo ricevette la tutela dell’Unesco come patrimonio immateriale dell’umanità nel 2001. Tra i molti spunti di questa edizione, le danze rumene e ungheresi di Bartók, sotto forma di dialogo tra l’Orchestra da Camera di Perugia e Muszikás, il maggiore ensemble magiaro di oggi. “Come guide sicure in questi affascinanti temi avremo Nicola Scaldaferri e Renato Morelli, grandi studiosi e appassionati divulgatori nell’ambito delle musiche di tradizione orale. Avremo poi – continua Enrico Bronzi – una ricca rassegna di giovani musicisti di grande talento, in collaborazione con Musica con le ali, Le Dimore del Quartetto e il Conservatorio “F.Morlacchi”. Il nostro ringraziamento va anche alla Galleria Nazionale dell’Umbria, che ospiterà nello splendore della sua sala principale quattro dei nostri concerti, mettendo in proficuo dialogo arte e musica”.

Sabato 14 settembre, il Sagrato della Cattedrale di San Lorenzo a Perugia ospiterà Viaggio in Italia – Ethnomusic Video Mapping, un viaggio nelle polifonie dell’Italia sacra e profana a cura di Karmachina, studio di multimedia communication design all’avanguardia nella realizzazione di ambienti multimediali che veicolano contenuti culturali in un modo creativa. Con questa produzione, che vedrà la partecipazione di Basiani – Ensemble Folkloristico del Patriarcato Georgiano, che proporranno canti georgiani sacri e di lavoro, “la Sagra Musicale Umbra – spiega Bronzi – compie per la prima volta un passo importante nell’ambito dei linguaggi multimediali. Lo straordinario valore artistico e storico degli edifici monumentali perugini si presta particolarmente a questo tipo di installazione artistica, che non usa i prospetti degli edifici come un mero supporto per le proiezioni, bensì come parte integrante della creazione artistica originale. È senza dubbio un evento-simbolo della Sagra 2019, per il suo potere evocativo e di dialogo con la città di Perugia”. La facciata prescelta, nel caso specifico la parete del Duomo rivolta sul Corso Vannucci, vivrà di una sua vita propria, trasformandosi in una superficie cangiante in cui il racconto delle tematiche affrontate si mescola con la sottolineatura dei dettagli architettonici della Cattedrale che costituiscono una traccia chiarissima della storia stessa della città. L’opera multimediale verrà riproposta poi più volte ogni sera per un’intera settimana.

Scorrendo poi il resto del programma, alla Sagra Musicale Umbra 2019 non mancheranno i protagonisti di grande levatura, come Philippe Herreweghe, Giovanni Sollima, l’Orchestre des Champs Elysées, il Collegium Vocale Gent, l’Orchestra della Toscana, Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura (con la prima nazionale del progetto Two for Tree and Orchestra, insieme all’Orchestra da Camera di Perugia, a Norcia il 16 settembre e il 17 a Perugia). Tanti i gruppi da camera e i giovani solisti: Simonide Braconi, Quartetto Werther, Quartetto Berlin-Tokyo, Quartetto Noûs, Giuseppe Gibboni e tanti altri, oltre a una nutrita rassegna corale con quattro concerti della rassegna dei Cori alle Cinque nella Chiesa di S. Ercolano di Perugia (Coro dell’Università degli Studi di Perugia, il Coro ArmoniosoIncanto, il Coro Santo Spirito Volumia, l’Accademia degli Unisoni), e un concerto nell’Aula Magna dell’Università degli Stranieri di Perugia con il Coro ebraico HA- KOL, che sarà preceduto da una conferenza di Anna Foa. In programma anche le rassegne Musica in Galleria, nella Sala Maggiore della Galleria Nazionale dell’Umbria, e Musica della Speranza, con i due appuntamenti con il Quintetto di Ottoni dell’Orchestra da Camera di Perugia alle Opere Pie Donini e al Complesso Penitenziario di Capanne.
La Sagra Musicale Umbra
si chiuderà domenica 22 settembre, alle 11.30, con la Messa solenne cantata nella Cattedrale San Lorenzo di Perugia: protagonista il Coro della Cappella Musicale della Basilica Papale di S. Francesco in Assisi, diretto da Padre Giuseppe Magrino OFM conv, e Eugenio Becchetti, all’organo.

SCARICA IL PROGRAMMA

 

Arte, Attività e Beni Culturali

Educazione, Istruzione e Formazione

Salute Pubblica

Assistenza anziani

Ricerca scientifica

Sviluppo locale

Volontariato, filantropia e beneficenza

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia