Norcia, piazza San Benedetto si trasforma in Villaggio dello Sport

Doveva essere una grande festa dello sport e dello stare insieme, e tale è stata. Il Villaggio dello Sport allestito a Norcia in piazza San Benedetto ha pienamente svolto la sua parte nell’allietare i numerosi giovani accorsi per divertirsi e fare sport. Sabato 16 e domenica 17, tante le strutture allestite per l’occasione, che hanno consentito di variegare al massimo l’offerta delle attività proposte. Si è potuto così giocare a calcio, basket, pallavolo oltre che cimentarsi nella gimkana ciclistica e in molte altre attività adatte anche ai più piccoli. Una manifestazione che ovviamente è andata oltre il semplice aspetto ludico-sportivo, e sinceramente non poteva che essere così. Centrale è anche stato il convegno intitolato: “Csi e Giovani, Sport è Social”, organizzato presso il Centro Boeri della stessa cittadina appenninica.

“Il Csi non poteva esimersi dal proporre qualcosa di concreto, da un’azione tangibile, una vera presenza costante sul territorio. La sola vicinanza simbolica non era sufficiente”. Cosi ha esordito Alessandro Rossi Consigliere Nazionale e Direttore dell’Area Progettazione del Comitato di Perugia, parlando del nuovo grande progetto intitolato: “Pronto Intervento Gioco”. “Un ringraziamento va poi alla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, senza l’appoggio della quale questo progetto non sarebbe stato possibile – ha proseguito Rossi – ‘Pronto Intervento Gioco’ punta a far recuperare momenti di leggerezza e a come lo stare insieme nella quotidianità possa contribuire al benessere delle persone e questo lo si può raggiungere attraverso lo sport. Per quello che sarà un intero anno scolastico, per due giorni a settimana, arriveranno a Norcia animatori e formatori sportivi per intrattenere attraverso il gioco e lo sport bambini, ragazzi e famiglie terremotate. Il Villaggio dello Sport, con tutte le sue attività, è una sorta di apertura per quello che sarà appunto questa nuova grande avventura. Quella del Csi – termina Rossi – vuole essere una sorta di risposta concreta al bisogno di fare sport di una comunità ferita dagli eventi che purtroppo l’hanno colpita. Non solo questo, vogliamo anche rilanciare di più e per questo è previsto l’acquisto di un ‘Ludobus’, da far girare in modo itinerante nei comuni vicini all’epicentro del sisma. Quindi non solo animatori e persone che si impegnano, ma anche materiale e mezzi per far fare sport”.

 

Le “Voci dal borgo” sono tra noi: torna Umbrialibri tra Perugia, Foligno e Terni

E’ dedicata al tema “Voci dal Borgo” l’edizione di Umbrialibri 2017 che anche quest’anno vivrà di tre appuntamenti (Foligno, Perugia, Terni), ma che avrà il suo cuore nel capoluogo umbro dal 6 all’8 ottobre, presso il Complesso Monumentale di San Pietro, in Borgo XX Giugno. La manifestazione, la cui realizzazione è stata resa possibile anche grazie al coinvolgimento della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia quest’anno è arrivata al suo XXIII appuntamento e avrà come focus il tema del “Borgo”, inteso come radice stessa della civiltà occidentale (almeno quella italiana) oggi simbolo di rinascita economica e culturale, grazie alle nuove tecnologie e alle generazioni più giovani, e di speranza, in particolare dopo la lunga crisi sismica che ha colpito il Centro Italia.

“Voci dal borgo”, ha spiegato il responsabile delle Attività culturali della Regione Umbria, Mauro Pianesi, “proporrà un intreccio d’incontri e di percorsi di riflessione, direttamente o indirettamente correlati all’idea di paese, villaggio, cittadina, a cui l’Umbria è spesso associata nell’immaginario collettivo”.

 

I migliori autori e studiosi italiani e stranieri. Tra gli ospiti della manifestazione ci saranno il giornalista e scrittore Aldo Cazzullo, il saggista e critico Goffredo Fofi, il vincitore del Premio Strega 2013 Walter Siti, lo scrittore Paolo Di Paolo, il giornalista del Corriere della Sera Giovanni Bianconi, la scrittrice e blogger Arianna Porcelli Safonov, lo storico Piero Bevilacqua, la scrittrice Elisabetta Bucciarelli, la fumettista e scrittrice italiana Paola Barbato, la conduttrice del programma radiofonico Fahrenheit Loredana Lipperini, l’esperta di comunicazione e mass media Elisabetta Bricca, lo scrittore Giulio Milani, il giornalista, editore e romanziere francese Ian Manook, l’autore di gialli e noir Giampaolo Simi, l’autore messicano Juan Villoro, la scrittrice rumena Liliana Angheluta Nechita e una rivelazione umbra, Paola Rondini.

Artisti e poeti. Al teatro cinema Zenith, sabato 7 ottobre alle 17.30 (con ingresso su prenotazione), Anna Marchesini (attrice e scrittrice) sarà ricordata dai suoi più stretti amici e colleghi (tra questi Massimo Lopez, Tullio Solenghi, Pino Strabioli), mentre, lo stesso giorno, alle 21.00, presso l’Aula Magna di San Pietro verrà presentato “Concerto per Sandro Penna” di Elio Pecora e Pino Strabioli. Domenica 8 alle 12, Valentino Zeichen sarà oggetto di una lectio magistralis tenuta da Valerio Magrelli.

Torna anche Radio3.  Nei giorni della manifestazione trasmetterà in diretta dall’Aula Magna del Complesso Monumentale di San Pietro quattro fra i suoi programmi più seguiti. Venerdì dalle 19.00 alle 19.45 toccherà a Hollywood Party (condotto da Steve Della Casa e Enrico Magrelli) introdurre il pubblico di Umbrialibri all’opera di Maurizio De Giovanni (“Pizzofalcone e altre storie”). Sabato mattina dalle 09.30 alle 10.15 Uomini e Profeti, trasmissione di cultura religiosa fuori da ogni dimensione confessionale, farà scoprire la religione come grande vettore della storia e della sapienza dell’umanità, mentre lo stesso giorno, dalle 15.00 alle 18.00, Speciale Fahrenheit e Piazza Verdi ci introdurranno al mondo dei libri e del teatro.

Il mercato. All’interno del II chiostro del Complesso Monumentale di San Pietro si terrà la mostra mercato permanente degli editori umbri, coinvolti nel duplice ruolo di espositori e di promotori culturali, punto di partenza e appuntamento fisso per Umbrialibri. Rispetto alle tante iniziative di promozione culturale che si svolgono in Italia, la peculiarità di Umbrialibri è di mantenere una forte connessione tra la produzione culturale nazionale e quella regionale. Come sempre, Umbrialibri mantiene una forte attenzione verso l’editoria regionale, connotandosi come festival atipico nel panorama italiano, dove si preferisce, invece, dar risalto quasi esclusivamente ai grandi autori e ai grandi editori. Anche per questo sarà dato spazio a molti autori e scrittori umbri.

Il concorso letterario. Seguendo questa strada, nell’edizione 2017 di Umbrialibri ci sarà ancora spazio per i tanti giovani che si avvicinano alla scrittura, come i protagonisti di Storie Sottobanco. Il concorso letterario, per ragazzi tra i 13 e i 18 anni, residenti in Umbria, è intitolato, da due anni, alla memoria di Marco Rufini, scrittore umbro e presidente della Giuria fin dalla sua prima edizione del 2009.

Ma l’edizione principale di Umbrialibri 2017 vivrà anche in altri luoghi, oltre al complesso Monumentale di San Pietro. Con “Aspettando Umbrialibri – leggiamo in biblioteca”, dal 2 al 5 ottobre, nelle biblioteche comunali di Perugia (Augusta, Biblionet, San Matteo degli Armeni, Sandro Penna, Villa Urbani) si svolgeranno letture ad alta voce dei libri presentati durante la manifestazione 2017. Mentre durante i tre giorni dell’evento, la libreria Mannaggia ospiterà Umbrialibri Off, letture e brindisi con gli scrittori e gli editori di Umbrialibri.

Umbrialibri sarà anche l’occasione per approfondire, con seminari e workshop, specifiche tematiche legate alla realizzazione di un libro. Lunedì 2 ottobre, presso l’Università per Stranieri di Perugia, Palazzo Gallenga, si terranno due seminari sul libro illustrato, mentre dal 4 al 6 ottobre, al Complesso Monumentale di San Pietro, l’Accademia delle Belle Arti di Perugia terrà tre workshop sul tema “la materia di cui è fatta un libro”: “Handlettering”, “Legatoria” e “Libro d’arte”. Il 6 e il 7 ottobre si terrà sempre a San Pietro il laboratorio di ricerca letteraria “Transeuropa Discovery Tour”. Infine dal 5 all’8 ottobre, a San Pietro, avrà luogo il seminario di traduzione letteraria “Diventare traduttori”, a cura dell’Edizioni dell’Urogallo, gran vìa e Jo March.

Foligno. Come negli anni precedenti, Umbrialibri vivrà anche in altre due città della regione. Oltre alla manifestazione di Perugia, l’edizione 2017 si aprirà a Foligno (22-24 settembre), che focalizzerà l’attenzione sulle periferie, e si concluderà a Terni (13-15 ottobre), dove si affronterà il tema del borgo come paradigma ideologico ed esistenziale. A Foligno la manifestazione sarà divisa tra l’ex Teatro Piermarini, (dove avrà luogo la mostra permanente), lo spazio Zut! e il Multiverso Coworking. Tra gli ospiti della kermesse di Foligno ci saranno il narratore e poeta “paesologo” Franco Arminio, lo scrittore, giornalista e autore televisivo Michele Dalai, la scrittrice e sceneggiatrice Giulia Gianni, la registra teatrale, attrice e autrice Elena Bucci (presente con uno spettacolo di lettura in musica), il fotoreporter Eduardo Castaldo, il musicista, scrittore Emidio Clementi (che darà vita a un reading musicale in collaborazione con Corrado Nuccini).
Terni. L’appuntamento di Terni si svolgerà, infine, al PalaSì e presso la Biblioteca Comunale e vedrà la partecipazione, tra gli altri, dell’autore Giovanni Cattabriga (del collettivo di scrittori Wu Ming), della giovane scrittrice e poetessa Michela Monferrini, dello storico, critico musicale e anglista Alessandro Portelli, dello scrittore Eugenio Raspi, dell’attrice, regista e scrittrice Wanda Marasco, del parlamentare e scrittore Enrico Borghi, dello scrittore, sceneggiatore e traduttore Fabio Genovesi.

 

 

L’Isola del libro premia la scrittrice Romana Petri e lo storico Marco Grondona

L’Isola del Libro di Italo Marri ha chiuso i battenti, al Lido di Passignano, con un evento di robusto spessore culturale: la consegna del premio “Raccontami l’Umbria in un libro”, ormai giunto alla terza edizione. Il procuratore Fausto Cardella, presidente della Commissione giudicante, ha svolto con competenza l’incarico di dare lettura delle motivazioni che hanno indotto la giuria ad assegnare il premio alla scrittrice Romana Petri e allo storico Marco Grondona.

Giorgio Mencaroni, presidente Unioncamere Umbria, e Giampiero Bianconi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, hanno consegnato  i meritatissimi premi, consistenti in un piatto dell’artista Graziano Marini, unitamente al premio in denaro. Antonio Carlo Ponti ha coordinato il talk show con gli autori.

Un’edizione memorabile, questa, dedicata a temi di stretta attualità come la mafia, l’illegalità e l’indifferenza e i loro concetti contrapposti antimafia, legalità e attenzione che ha animato le sponde del Lago Trasimeno da venerdì 16 giugno a domenica 17 settembre. Venti i  caffè letterari in programma, ma anche le mostre, i concerti, le performance teatrali e i laboratori per bambini legati alla manifestazione nata nel 2013 su idea dell’imprenditore libraio Italo Marri.

 

Teatro Sacro, ad Assisi il convegno con studiosi da tutta Europa

ASSISI – Oltre di 1000 spettatori ai tre spettacoli, 20 i relatori al convegno nei tre giorni e 120 tra attori e musicisti. Sono questi i numeri de “Teatro Sacro 2017, pratiche di dialogo tra religione e spettacolo”. Un convegno internazionale di studi, organizzato ad Assisi dall’Accademia Properziana del Subasio e dal Dipartimento di Lettere dell’Ateneo di Perugia con il sostegno del Comune e della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

«Spunti di riflessione storiografica sul rapporto tra religione e spettacolo – scrive Alessandro Tinterri, direttore scientifico del simposio -, inteso nell’accezione più vasta, sino a comprendere elementi performativi presenti nel canone liturgico».  Questo il filo rosso che ha tenuto insieme le tre giornate di studio.

Dall’otto al dieci settembre studiosi provenienti da diversi atenei europei si sono trovati ad Assisi per fare il punto della situazione su questo genere di teatro; sui documenti del passato, dal Medioevo in poi, ma anche sui nuovi linguaggi teatrali, letterari e della struttura scenica che riguardano il teatro sacro.

Ogni giornata di convegno si è conclusa da uno spettacolo. L’ultima rappresentazione teatrale all’interno dell’abbazia ‘Rappresentazione di anima, et di corpo’ è stato un successo, gli attori e i musicisti sono stati bravissimi, hanno dimostrato di essere all’altezza.Si è trattata di una rappresentazione per recitar cantando in un prologo e tre atti di Emilio de’ Cavalieri (1548/53-1602) su libretto di Agostino Manni.

 

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia