Teatro Sacro, ad Assisi il convegno con studiosi da tutta Europa

ASSISI – Oltre di 1000 spettatori ai tre spettacoli, 20 i relatori al convegno nei tre giorni e 120 tra attori e musicisti. Sono questi i numeri de “Teatro Sacro 2017, pratiche di dialogo tra religione e spettacolo”. Un convegno internazionale di studi, organizzato ad Assisi dall’Accademia Properziana del Subasio e dal Dipartimento di Lettere dell’Ateneo di Perugia con il sostegno del Comune e della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

«Spunti di riflessione storiografica sul rapporto tra religione e spettacolo – scrive Alessandro Tinterri, direttore scientifico del simposio -, inteso nell’accezione più vasta, sino a comprendere elementi performativi presenti nel canone liturgico».  Questo il filo rosso che ha tenuto insieme le tre giornate di studio.

Dall’otto al dieci settembre studiosi provenienti da diversi atenei europei si sono trovati ad Assisi per fare il punto della situazione su questo genere di teatro; sui documenti del passato, dal Medioevo in poi, ma anche sui nuovi linguaggi teatrali, letterari e della struttura scenica che riguardano il teatro sacro.

Ogni giornata di convegno si è conclusa da uno spettacolo. L’ultima rappresentazione teatrale all’interno dell’abbazia ‘Rappresentazione di anima, et di corpo’ è stato un successo, gli attori e i musicisti sono stati bravissimi, hanno dimostrato di essere all’altezza.Si è trattata di una rappresentazione per recitar cantando in un prologo e tre atti di Emilio de’ Cavalieri (1548/53-1602) su libretto di Agostino Manni.

 

“Gioachino Orchestra” in concerto alla Basilica di Sant’Ubaldo di Gubbio

GUBBIO – Si tiene venerdì 8 settembre alle 18.30 nell’Emiciclo della  Basilica di Sant’Ubaldo (o all’interno della Basilica di recente restaurata,  se le condizioni atmosferiche non fossero favorevoli ) il concerto “Gioachino Orchestra” organizzato nell’ambito del progetto “Omaggio all’Umbria”.

Alla presentazione dell’iniziativa sono intervenuti il sindaco Filippo Mario Stirati, il presidente onorario della Fondazione Cassa Risparmio Perugia Carlo Colaiacovo, Don Fausto Panfili Rettore della Basilica di Sant’Ubaldo  e  Laura Musella  organizzatrice del concerto e presidente dell’associazione ‘Omaggio all’Umbria’. Presenti anche Cristina Colaiacovo, vice presidente della Fondazione Cassa Risparmio Perugia e  il vescovo Mario Ceccobelli.

«Esprimiamo  grande apprezzamento per questo evento musicale – ha esordito il sindaco Stirati –  di alto livello.  La qualità del concerto,  la godibilità di un contesto di pregio quale la Basilica, luogo di devozione religiosa ma anche riferimento laico di bellezza naturale e scenografica, sono  elementi che fanno dell’appuntamento di venerdì un sicuro richiamo. Gubbio continua ad essere al centro di un’attenzione mediatica notevole, in questi giorni,  con gli eventi  legati al pellegrinaggio Assisi-Gubbio “Il Sentiero di Francesco” e l’evento nazionale della Chiesa italiana nella Giornata per la custodia del Creato.  Il mese di settembre si presenta ricco di appuntamenti di rilievo, come il ‘Festival del Medioevo’, dal 27 settembre al 1 ottobre».

Carlo Colaiacovo ha sottolineato la preziosa collaborazione di Laura Musella, che promuove la cultura musicale umbra con proposte di altissima qualità:  «Il concerto dello scorso anno è stato un successo straordinario e quest’anno senz’altro sarà un proseguimento all’altezza,  per valorizzare Gubbio e tutta l’Umbria».

Don Fausto Panfili ha annunciato anche un altro importante concerto che si terrà il 29 settembre nella Chiesa di S. Francesco: «Ascolteremo per la prima volta brani di canti gregoriani ritrovati in un codice in Francia, dell’epoca di S. Ubaldo.  Siamo dunque particolarmente soddisfatti e il Concerto di venerdì è un segnale di attenzione verso i giovani, visto che il gruppo è formato da  musicisti  fra i 13 e i 16 anni ».  Musella ha ricordato come  il  progetto “Omaggio all’Umbria” e il Concerto di Gubbio, in particolare, è reso possibile grazie al contributo e alla collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, del Comune e della Diocesi, con una partecipazione all’evento della  Colacem.  «Senza di loro  – ha sottolineato Musella  – e senza l’amorevole assistenza ai lavori di organizzazione dell’evento da parte di  Don Fausto Panfili,  l’appuntamento  non sarebbe possibile.  La valorizzazione dei giovani è fondamentale, a cominciare dal direttore  Michele Mangani, anch’egli giovanissimo, nato nella vicina Urbino,  reduce da una recente partecipazione al Teatro La Scala di Milano.

gioac

Chiesa di San Vitale, restaurato l’antico Organo attribuito ad Aloisio Calligari

Una accurata operazione di restauro che ha portato al recupero della struttura originaria dello strumento, tra i più antichi del territorio, presumibilmente risalente alla prima metà del 1700 anche se alcune caratteristiche farebbero pensare ad una data ancora più antica.

Grazie al progetto della Confraternita del Terz’Ordine di San Francesco realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, l’antico organo attribuito ad Aloisio Calligari situato presso la Chiesa di San Vitale, ad Assisi, ha riconquistato la sua sonorità originale ed è così tornato a disposizione della comunità per la liturgia e per eventuali concerti.

All’inaugurazione che si è tenuta martedì 30 agosto oltre al Parroco Don Cesare Provenzi e al Vescovo S.E.R. Domenico Sorrentino sono intervenuti anche il sindaco di Assisi Stefania Proietti e il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Giampiero Bianconi.

 

,

ScheggiAcustica, tra Umbria e Marche nei suggestivi “luoghi da ascoltare”

PERUGIA – È sempre più “popolare” ScheggiAcustica 2017. Fra concerti con musiche folk e balli da tutto il mondo, escursioni nel Parco del Monte Cucco ed eventi a sorpresa il festival dei Luoghi da Ascoltare fra Umbria e Marche arriva sempre più partecipato agli appuntamenti conclusivi dell’ottava edizione. 

Organizzato da Tuttisuoni in collaborazione con l’associazione Musicamorfosi, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, il GAL Alta Umbria e i Comuni coinvolti (Scheggia e Pascelupo, Cagli, Cantiano, Frontone e Sassoferrato) il festival si conclude mercoledì 9 al Castello della Porta di Frontone. Nel magnifico complesso gestito dalla Cooperativa Sociale Opera, alle 21.30 in sinergia con il Comune marchigiano nel firmamento di ScheggiAcustica brillerà La stella d’oriente di Fakhraddin Gafarov. Il grande maestro e musicista proveniente dall’Azerbajan è considerato il miglior virtuoso di tar, strumento a corde del suo paese d’origine e guiderà il pubblico verso inesplorate rotte nel Medio Oriente con musica e balli anche da Turchia, Iran e Afghanistan. Tutto insieme alla sua funambolica ensemble, completata da Simone Amodeo alle percussioni, Fabio Marconi alla chitarra e Davide Marzagalli ai fiati.

 A proposito di canzoni e balli popolari, in questo caso dai Balcani, lunedì sera Il Sentimento Popolare #1, ovvero Camilla Barbarito e il suo gruppo, hanno esaltato in Umbria il Centro storico di Scheggia, ritornato con soddisfatta e piena partecipazione, “audaci” ballerini compresi, fra i “palchi” d’eccellenza del festival dopo alcuni anni, alla presenza anche del sindaco Fabio Vergari.

La poliedrica cantante e artista con un diverso progetto, ma sempre di estrazione popolare, farà il bis martedì 8 agosto con Il sentimento popolare #2 nella caratteristica Piazza Garibaldi a Cantiano (ore 21.15). Il filo conduttore si sposta verso musiche e balli le cui origini ed echi provengono da tutto il mondo. Ancora ritmi balcanici mischiati con quelli mediorientali, ma pure un valzer siciliano, canzoni iberiche e un “tour transatlantico” che planerà nel centro del Comune marchigiano su Piazza Garibaldi attraverso una rumba flamenca e una ballata messicana provando ad atterrare con un caschè a ritmo di tango argentino.

 

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia