“Ambasciatori dell’Umbria nel mondo”, il premio a Rita Marcotulli

PERUGIA – La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha iscritto un nuovo nome tra quelli degli “Ambasciatori dell’Umbria nel mondo”.

Ad aggiudicarsi il premio che nell’ambito della manifestazione Umbria Jazz ogni anno viene conferito a musicisti che hanno portato e tenuto alto il nome dell’Italia e dell’Umbria nel mondo,  quest’anno è stata  la pianista Rita Marcotulli.

Il riconoscimento le è stato consegnato domenica 9 luglio al teatro Morlacchi dalla vice presidente della Fondazione, Cristina Colaiacovo. Un premio che la musicista ha accolto con grande soddisfazione.  Lo scorso anno a ricevere il riconoscimento è stato il trombettista torinese Fabrizio Bosso, negli anni passati sono stati premiati grandi nomi del panorama musicale che hanno fatto, e stanno facendo, la storia e la fortuna di Umbria Jazz: Enrico Rava, Renato Sellani, Giovanni Tommaso, Stefano Bollani, Francesco Cafiso, Roberta Gambarini, Franco D’Andrea, I Solisti di Perugia, Danilo Rea, Enzo Pietropaoli.

 

“Fiber to the school”, c’è la rete ultra-veloce per le scuole perugine

I lavori partiranno già in questi mesi di chiusura delle scuole. Sono 69 gli edifici scolastici – scuole elementari, medie e superiori – che saranno cablati grazie alla collaborazione tra il Comune di Perugia, Open Fiber e Go Internet e al finanziamento, per il primo anno, della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

L’iniziativa “è stata presentata l’11 luglio nella sala Rossa di Palazzo dei Priori, alla presenza del Sindaco Andrea Romizi, degli assessori Francesco Calabrese, Michele Fioroni e Dramane Wagué, della Dott.ssa Sabrina Boarelli, in rappresentanza dell’Ufficio Scolastico Regionale, del Segretario Generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Fabrizio Stazi, di Fabio Pelliciardi di Open Fiber e Flavio Ubaldi, Chief Operating Officer di GO Internet.

“E’ stata un’operazione molto celere – ha spiegato l’assessore Calabrese nel presentare l’iniziativa – proprio con l’obiettivo di approfittare delle vacanze per intervenire nel maggior numero possibile di edifici.”

Go Internet, infatti, porterà la connessione a 1 Giga su ogni singolo edificio, a partire dall’infrastruttura Open Fiber. “Abbiamo trovato le condizioni progettuali per dare un servizio alle scuole – ha proseguito Calabrese –  ma ponendoci anche l’obiettivo di far diventare gli edifici scolastici punti di wifi di libero accesso. Le scuole perugine –ha concluso- si troveranno così in una situazione di competitività rispetto alle altre,  con un miglioramento sia in termini di funzionalità che di didattica”.

Un concetto questo ribadito anche dalla dirigente dell’USR, Boarelli, che ha definito il progetto una importante segnale di speranza per il futuro. “Un esempio di come la tecnologia sia al servizio della didattica –ha detto Boarelli- che diventa ancora più importante se pensiamo che con gli 84 progetti finanziati dal PON, che porta in Umbria circa 3 milioni di euro, le scuole non saranno più aperte solo la mattina per le lezioni, ma diventeranno anche luoghi di incontro per gli studenti e per il territorio intero in orario extra scolastico, per cui la connessione rappresenta indubbiamente un elemento di arricchimento.”

Fondamentale l’apporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia che finanzierà le spese di connessione per il primo anno, a un costo forfettario unico, con l’obiettivo di fornire comunque alle scuole un servizio gratuito in uno spirito di comunità importante. Obiettivo che, proprio per questo, proseguirà anche oltre il primo anno, da finanziare con la fiscalità generale dell’ente, in collaborazione con la Provincia e Umbria Digitale.

“Lo sviluppo del territorio – ha tenuto a evidenziare il Segretario generale della Fondazione Fabrizio Stazi – passa anche da iniziative come questa. Investire risorse nella digitalizzazione e nell’educazione significa aumentare il benessere di una comunità, soprattutto se consideriamo il gap che in Italia dobbiamo colmare con il resto d’Europa. Per questo –ha concluso- la Fondazione ha appoggiato subito il progetto”.

Gli importanti cambiamenti che apporterà nelle scuole la nuova connessione -100 volte più veloce delle connessioni fino ad oggi disponibili- sono stati, quindi, illustrati da Pelliciardi e Ubaldi, che hanno parlato di distribuzione di contenuti multimediali in tempo reale, della possibilità di scaricare contenuti utili a fini didattici in tempi brevi e contemporaneamente visualizzabili da più studenti, di digitalizzazione della didattica, agevolando la formazione e lo scambio di informazioni, quindi l’integrazione tra i giovani.

“Si potrebbe allargare l’utilizzo della rete wireless agli studenti –ha aggiunto Ubaldi- offrendo una copertura anche in zone comuni quali il bar, gli impianti sportivi, il giardino o il cortile, è un ottimo modo di offrire servizi innovativi, aggregativi e soprattutto utili.”

“I nostri ragazzi, da settembre, saranno messi nelle stesse condizioni dei loro colleghi europei – ha concluso il Sindaco Romizi- e questo è quello che conta, perché la fibra non va attaccata al petto come una medaglia, ma va utilizzata per riconquistare competitività, con una progettualità che si fonda sulle scuole e sulle imprese.”

 

Fiber

Cambio Festival, via alla 18esima edizione tra musica e arte

ASSISI – Giunto alla 18ª edizione, Cambio Festival torna dal 26 al 29 luglio con importanti novità ed un programma musicale all’insegna del divertimento, nella consueta cornice del Castello medievale di Palazzo di Assisi. Un appuntamento musicale divenuto ormai imperdibile per gli amanti della buona musica e per i tanti affezionati che ogni anno partecipano anche da fuori regione.

Tra le importanti novità di cui Cambio Festival si fa portavoce è il restauro del prezioso affresco di Matteo Da Gualdo conservato nella Chiesa della Morte situata all’interno del Castello: un progetto promosso dalla Parrocchia di Palazzo con il supporto delle associazioni locali – Palatium e Ponte Levatoio – e  sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

«Il restauro dell’affresco di Matteo Da Gualdo – conclude Giampiero Bianconi, Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia – è un’iniziativa meritoria che ha trovato il nostro sostegno in linea con le finalità della Fondazione e con la nostra attenzione rivolta anche al patrimonio storico-artistico minore del territorio; un’attività di recupero per consentirne la fruibilità anche nell’ottica di rilancio culturale di una comunità».

 

 

Scarica il Comunicato stampa Cambio Festival 2017

 

“Le Regole alle Logge”, 7 nuovi dipinti per la mostra di Gubbio

GUBBIO – Sette nuove opere che si affiancano alle 37 già in mostra. Si è impreziosita con nuovi prestigiosi dipinti la mostra “De Chirico, Sironi, Depero. Le Regole alle Logge” allestita presso le Logge dei Tiratori della Lana di Gubbio dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dalla Fondazione CariPerugia Arte.

Il percorso espositivo a cura di Vittorio Sgarbi comprende una selezione di opere provenienti dalla Casa delle Regole di Cortina d’Ampezzo, dove è esposta la raccolta di Mario Rimoldi, collezionista e mecenate che nell’arco della sua vita ha creato una collezione paragonabile a quelle dei grandi musei italiani, europei e americani.

A firma di Giorgio De Chirico, già presente in mostra con altre due opere, è arrivato anche “Nudo coricato”, mentre la produzione di Filippo de Pisis, di cui erano già esposti altri 4 dipinti, si arricchisce con “Soldatino francese”, una delle opere più importanti dell’intera collezione.

Fanno invece ingresso per la prima volta in mostra artisti come Renato Guttuso con “Pergolato di limoni”, Ibrahim Kodra con “Figura”, Bruno Saetti con “Ragazze intorno alla spinetta” e Juti Ravenna con il dipinto “Paesaggio invernale”, tela che sul retro ritrae una “Figura di donna”. Nell’elenco dei nuovi ingressi c’è anche “Il collezionista” – dipinto che ritrae proprio Mario Rimoldi – di Renato Balsamo, artista particolarmente caro a Vittorio Sgarbi perché, come scritto dal critico d’arte nella prefazione del catalogo della mostra, “a lui devo, oltre e con il mio, il ritratto vivo e parlante di mia madre, giovane e turbata, in un pensiero inquieto che nessuno, come lui, ha colto. Ed era la sua anima”.

 

“Con queste nuove opere la mostra si rafforza ulteriormente. Siamo molto orgogliosi – ha commentato il Presidente della Fondazione CariPerugia Arte, Giuseppe Depretis – di aver portato in Umbria, grazie alla sinergia con la Casa delle Regole di Cortina d’Ampezzo, un patrimonio artistico rappresentativo dell’arte italiana del Novecento che merita di essere conosciuto da cittadini e turisti. Si tratta di un progetto particolarmente significativo anche perché segna la restituzione delle Logge dei Tiratori alla città, dopo i lavori di recupero finanziati dalla Fonazione Cassa di Risparmio di Perugia”.

Oltre a quelle degli artisti citati il percorso espositivo, che resterà aperto fino al prossimo 5 novembre, ospita opere di Mario Sironi, Massimo Campigli, Anton Zoran Music, Ottone Rosai, Tullio Garbari, Gino Severini, Arturo Tosi, Virgilio Guidi, Felice Carena, Umberto Moggioli, Pio Semeghini, Guido Cadorin e Fortunato Depero.

 

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia