Umbria Jazz, uno studio analizza l’impatto dell’evento sul tessuto economico

Venerdì 21 settembre, alle 11.00, presso la Sala delle Colonne di Palazzo Graziani, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia (Corso Vannucci, 47), la Fondazione di Partecipazione Umbria Jazz presenterà la ricerca “UMBRIA JAZZ: NON SOLO MUSICA. Il valore economico-sociale della manifestazione su Perugia e il suo territorio”.

Promosso dalla Fondazione Umbria Jazz con la collaborazione dell’Università per Stranieri di Perugia e dall’Università degli studi di Perugia lo studio è realizzato da Luca Ferrucci del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Perugia e da Simona Collu e Michele Tomassoli, studenti del Master in International Business and Inter-Cultural Context dell’Università per Stranieri di Perugia.

SCARICA L’INVITO

“Barbari. La scoperta degli altri”, a Gubbio oltre cento eventi con il Festival del Medioevo

Le grandi migrazioni, la difesa dei confini, l’identità degli individui e dei popoli. E gli altri, quelli diversi da noi, che parlano lingue oscure e appaiono come nemici. Diversi, lontani e misteriosi, mescolati dalle guerre e dai commerci e catapultati all’improvviso in mondi sconosciuti.
Come ogni anno, il Festival del Medioevo incrocia le grandi questioni del mondo contemporaneo.  Barbari. La scoperta degli altri è il tema della quarta edizione che si tiene a Gubbio dal 26 al 30 settembre 2018.  Un viaggio tra i popoli e gli individui. In mezzo ai “forestieri” e intorno ai confini, le convenzioni della storia e della geografia: segni che indicano un limite comune. Qualcosa che separa ma allo stesso tempo può anche unire.

In soli quattro anni il Festival del Medioevo, realizzato dall’Associazione culturale Festival del Medioevo in collaborazione con il Comune di Gubbio. è diventata la più importante manifestazione nazionale di divulgazione storica dedicata all’età medievale. Sostengono la manifestazione il Gruppo Azione Locale Alta Umbria (GAL), la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e la Camera di Commercio di Perugia.

La  Fondazione Giuseppe Mazzatinti e l’Università LUMSA sono partner dell’iniziativa per il settore didattico. Altri prestigiosi enti, tra i quali la Fondazione CariPerugia Arte e gli Archivi di Stato di Venezia e di Perugia, hanno instaurato con il Festival importanti collaborazioni scientifiche

Più di cento eventi, oltre duecento protagonisti, venti università italiane e straniere coinvolte, la prima Fiera del Libro Medievale con la presenza di più di quaranta case editrici, il sito web e la pagina Facebook dedicati alla divulgazione storica del Medioevo più seguiti in Italia e una lunga serie di riconoscimenti.  Due grandi mostre arricchiscono i cinque giorni del Festival: Un giorno nel Medioevo. La vita quotidiana nelle città italiane dei secoli XI-XV, voluta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e frutto della collaborazione tra la Fondazione CariPerugia Arte e il Festival del Medioevo e Gubbio al tempo di Giotto – Tesori d’arte nella terra di Oderisi. 

SCARICA IL PROGRAMMA

VISITA IL SITO 

 

 

Casamia, ecco la nuova struttura per le persone con disabilità

Ospiterà in modo permanente 16 persone con disabilità, mentre due posti saranno riservati alle emergenze, la nuova casa alloggio “Casamia”, realizzata dalla Comunità di Capodarco di Perugia con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. La struttura – ubicata sulla collina di Prepo accanto al Centro diurno e alla Casa del Nibbio, realizzata dopo tre anni di lavori con un costo di circa 500 mila euro – è stata inaugurata il 15 settembre con una grande festa alla quale sono intervenuti tanti amici della comunità e rappresentanti delle istituzioni. Presenti il presidente nazionale di Capodarco, Don Vinicio Albanesi, la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, l’assessore regionale alla Salute, Coesione sociale e Welfare Luca Barberini, il sindaco di Perugia Andrea Romizi, l’assessore al Welfare, Edi Cicchi e il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Giampiero Bianconi.

Nel corso della cerimonia di inaugurazione la presidente di Capodarco di Perugia, Francesca Bondì, ha ricordato che “a Perugia sono accolti e presi in cura 40 persone adulte con disabilità nei tre centri socio-riabilitativi-educativi diurni e nelle due strutture residenziali a carattere famigliare risiedono 17 persone. “La nostra – ha detto – è una comunità di vita e di servizi dove la relazione e l’affetto sono al centro di ogni progetto educativo  riabilitativo e terapeutico”.

Capodarco di Perugia trasferirà a Prepo la Comunità Alloggio di Ponte San Giovanni e  amplierà il numero delle persone accolte: abiteranno nella nuova  struttura in  totale 16 persone con disabilità più due di emergenza. Le persone accolte avranno la possibilità di avere ognuno la propria stanza e degli spazi aggiuntivi tra cui sale e cucine. Inoltre, la casa è provvista di spazi esterni con mole aree verdi e verrà attivato anche un laboratorio esterno che permetterà agli ospiti di poter occupare il proprio tempo anche in un’attività lavorativa.

Ponte Felcino ha il suo nuovo parco giochi adatto anche a bambini con disabilità

Da venerdì 3 agosto è aperto al pubblico il nuovo parco giochi inclusivo realizzato c/o l’area verde Don Remo Palazzetti di Ponte Felcino.
L’area verde è stata attrezzata con strutture a norma, adatte a bambini di tutte le fasce di età e con particolare attenzione ai bambini con disabilità, prevedendo giochi adatti alle loro esigenze e pavimentazione specifica per consentirne una facile fruizione. In dettaglio sono stati installati uno scivolo con torretta, una altalena doppia con una seduta semplice ed una seduta per disabili, una altalena singola con seduta a cestello per i bambini più piccoli, un bilico a quattro posti, due giochi a molla e un gioco surprise ball.
Il parco giochi sarà accessibile dalla giornata di venerdì 3 agosto nell’attesa della festa inaugurale ufficiale, con tanto di taglio del nastro, che si terra con data ancora da definire nella seconda metà di settembre (per consentire la partecipazione dei bambini dell’adiacente istituto comprensivo PG14).
Nato dalla necessità di dare ai bambini uno spazio adeguato per poter giocare all’aperto in un’area che è considerata il centro socio culturale del paese per la presenza dell’istituto scolastico, della Bocciofila, del Centro Anziani, dell’URP comunale, del CVA e del Bosco Didattico, il progetto ha da subito avuto il sostegno di tutte le associazioni del paese, della parrocchia e dell’istituto scolastico. Nei mesi precedenti l’Associazione “Ponte Felcino Città di Fiume” con la collaborazione dell’Istituto Comprensivo PG14 ha organizzato diversi eventi ed attività di raccolta fondi per finanziare il progetto. Questi, insieme al fondamentale contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia hanno reso possibile il raggiungimento dell’obbiettivo.
L’Associazione ha così potuto procedere all’acquisto dei giochi che sono poi stato donati al Comune di Perugia, proprietario dell’area verde, il quale inoltre si è fatto carico della posa in opera e della sistemazione del verde.
Marianna Orsini, presidente dell’Associazione “Ponte Felcino Città di Fiume”: “Ringrazio tutti i cittadini che hanno aderito alle attività di raccolta fondi e la Fondazione CRPG per il contributo offerto. Con la realizzazione di questo parco è stato fatto un primo passo per la restituzione di spazi adeguati alla popolazione più piccola e importante del paese. E’ intenzione delle associazioni continuare su questa strada cercando nei mesi a venire di intervenire sulle altre aree verdi attrezzate del paese per riportarle alle condizioni di un tempo .”

Con “Mangiare è un diritto” si recupera cibo per donarlo a chi ne ha bisogno

«Il progetto “Mangiare è un diritto e un atto ambientale. Non sprecare è un dovere” nasce da lontano, da quando tre anni fa abbiamo iniziato, con i volontari, a ritirare ogni sera le eccedenze alimentari presso vari esercizi commerciali e ridistribuirle la sera stessa alle famiglie del “Villaggio della Carità – Sorella Provvidenza”, una delle strutture di accoglienza della nostra Chiesa, che può ospitare fino a quindici famiglie».

A dirlo è stato il direttore della Caritas diocesana di Perugia-Città della Pieve, il diacono Giancarlo Pecetti, alla presentazione che si è tenuta il 15 settembre 2018, durante l’annuale festa dei volontari dell’Emporio “Tabgha”, di questo progetto promosso con la collaborazione del Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Nel corso dell’incontro è stato benedetto l’automezzo attrezzato per il recupero delle eccedenze alimentari donato alla Caritas dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, oltre a presentare un progetto cofinanziato dalla Commissione Europea (CE) nell’ambito del programma comunitario LIFE, denominato i-REXFO (Increase in the Reduction and Recovery of Expired Food) e coordinato dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia, che ha come obiettivo la riduzione dello spreco alimentare.
Insieme al direttore Caritas Pecetti sono intervenuti il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio, Giampiero Bianconi, l’assessore comunale alle politiche sociali, Edi Cicchi, mons. Saulo Scarabattoli, vicario episcopale della Prima Zona pastorale, e Sara Màssoli, del Dipartimento di Ingegneria.

«La nostra Fondazione – ha evidenziato il presidente Bianconi – è chiamata ad essere sempre più attenta ai servizi e alle esigenze sociali che mancano, perché sono in costante aumento le persone che hanno bisogno di questi servizi. Dobbiamo essere molto attenti alla comunità composta non solo da persone di una certa età, ma anche da giovani che vanno sensibilizzati e coinvolti in progetti di spessore sociale. E questo è un impegno che tutti dobbiamo portare avanti, perché senza i giovani lo spirito di servizio non può esserci». A queste parole ha fatto da eco il direttore della Caritas annunciando un progetto che «coinvolgerà i giovani delle parrocchie, impegnandoli nella raccolta di alimenti preceduta da una preparazione sull’importanza di relazionarsi con le persone in difficoltà e nell’acquisire una capacità di servizio».

‘Novi toni comites orchestra’, il concerto nell’emiciclo della Basilica di Sant’Ubaldo

Si intitola ‘Novi toni comites orchestra’ il concerto che si è tenuto domenica 2 settembre nell’emiciclo della Basilica di Sant’Ubaldo’, a Gubbio,con il direttore e solista Stefano Mhanna e il tenore David Sotgiu.

L’evento, che segue di poco il grande concerto che il progetto Omaggio all’Umbria ha organizzato con Riccardo Muti a Norcia il 4 agosto, ha riscosso un enorme successo  e la sala della Basilica era affollatissima nonostante il maltempo.

Il  musicista prodigio Stefano Mhanna ha stupito per la sua bravura sia come violinista solista che come direttore della sua  Novi Toni Comites Orchestra e  prima dell’inizio del concerto come sorpresa ha voluto dimostrare le sue capacità anche come organista esibendosi nella famosa Toccata e Fuga di Johann S.Bach.

Il tenore David Sotgiu  ha incantato il pubblico per la sua bella voce  e per la sua elegante presenza e accompagnato  da Stefano Mhanna all’organo ha regalato al pubblico,  sempre molto partecipe, come bis una dolcissima Ave Maria di Franz Schubert.

Il progetto musicale, con il patrocinio del Comune e della Diocesi, è promosso e organizzato dall’associazione “Omaggio all‘Umbria” e sostenuto dalla Fondazione Cassa Risparmio Perugia e dalla Camera di Commercio Perugia.

Nel corso della presentazione a cui hanno preso parte il sindaco di Gubbio Filippo Mario Stirati, don Fausto Panfili rettore della Basilica di Sant’Ubaldo, in rappresentanza del Vescovo Luciano Bedini Paolucci, il consigliere della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Mauro Cesaretti, la presidente dell’associazione ‘Omaggio all’Umbria’ e organizzatrice del concerto Laura Musella aveva sottolineato il piacere di tornare a Gubbio per un appuntamento di notevole rilievo musicale: “E’ ormai una consuetudine questo evento che è inserito nel programma generale dell’associazione e che si svolge in un luogo di suggestione profonda. Gli artisti si sono già esibiti a Gubbio e sono ben felici di tornare. La novità è l’orchestra di giovani che Stefano Mhanna, anch’egli poco più che ventenne, ha formato dal 2010. Lui stesso ‘enfant prodige’, a 16 si era già specializzato in pianoforte, viola, organo e composizione e ama anche sfide musicali come suonare con un tenore, come in questo caso”.

 

Biomeccanica teatrale, a Perugia dieci maestri per il primo meeting internazionale

Da lunedì 20 a mercoledì 22 agosto, a Perugia, nei locali dell’ex Fatebenefratelli (Piazza San Giovanni di Dio, 4), Micro Teatro Terra Marique e il Centro Internazionale Studi di Biomeccanica Teatrale organizzeranno il primo “Meeting internazionale sulla biomeccanica teatrale”.

Patrocinato dal Comune di Perugia, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, e con il contributo ministeriale e regionale riservato alla residenza artistica perugina Micro Teatro Terra Marique – Corsia Of, il meeting vedrà la presenza a Perugia di 10 maestri esperti della tecnica russa provenienti da tutto il mondo (Australia, Germania, Inghilterra, Canada, USA, Brasile, Italia) i quali si riuniranno intorno al Maestro Gennadi Bogdanov e lavoreranno per definire tutti gli aspetti della pedagogia creata dal regista Vsevolod Emil’evic Mejerchol’d.

“Un occasione unica” la definisce Claudio Massimo Paternò, coordinatore del Centro di Biomeccanica. “Mai nella storia del teatro si era assistito ad un vero e proprio concilio, che vuole riunire tutti i maestri di una tecnica per definire regole comuni senza creare fraintendimenti. Sarà questa l’occasione anche per iniziare una collaborazione internazionale di scambio artistico e pedagogico.”

Un meeting, quello del 20-22 agosto, che nei progetti degli organizzatori si propone come il punto di partenza per la creazione di un network mondiale sulla pedagogia mejerchol’diana, la cui sede sarà appunto Perugia con il Centro Internazionale Studi di Biomeccanica Teatrale.

“Nuova” sede per la residenza anziani di San Giovanni in Campo

Sono iniziati i lavori di ristrutturazione della Residenza anziani di San Giovanni in Campo, nell’omonima piazza nel centro storico di Città di Casello. La struttura, di proprietà della Diocesi di Città di Castello, è gestita dal 2000 dalla Cooperativa Sociale Fiore Verde impegnata nei servizi alle persone anziane.  Gli interventi di riqualificazione, così come l’acquisto dei nuovi arredi, sono stati possibili grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Fiore Verde, che da più di 20 anni opera nei servizi per la Terza età, promuove l’idea che le Residenze per anziani siano realtà integrate nel territorio ed aperte alle comunità locali, che favoriscano la valorizzazione del ruolo sociale della popolazione anziana, considerandola una risorsa attiva della vita sociale. Il progetto di riqualificazione della struttura di San Giovanni in Campo si inserisce in questo contesto e accetta la sfida all’inclusione sociale dell’invecchiamento della popolazione umbra.  Grazie a questi lavori Fiore Verde vuole rilanciare lo storico ruolo di San Giovanni in Campo nella vita sociale di Città di Castello, lo fa (ri)partendo dagli anziani e grazie alla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Grifonissima 2018, tutto pronto per la prima versione autunnale

Domenica 23 settembre 2018, prima edizione “autunnale” nella storia della manifestazione, si terrà la 38esima edizione della manifestazione podistica GRIFONISSIMA curata ed organizzata da UniCredit Circolo Dipendenti con la collaborazione della rete commerciale UniCredit della provincia di Perugia.

Grifonissima costituisce un’occasione sportiva e sociale di elevatissima notorietà, profondamente radicata nella città di Perugia e nella Provincia, in cui studenti, famiglie, Istituzioni, Scuole, Enti di propaganda sportiva si uniscono in un ideale di sportività, di integrazione, di cultura, di rispetto ed attenzione per gli spazi del centro storico della città di Perugia

Il grande numero di iscritti e partecipanti ai percorsi competitivi e non competitivi fanno di questo evento uno dei più riusciti d’Italia.

Come consueto la manifestazione si articolerà in due percorsi (competitivo e non competitivo) con un partenza comune che avverrà da Corso Vannucci a Perugia, di fronte alla Sede di UniCredit, alle ore 9,30.

Nella sezione competitiva, che si svolgerà sulla distanza di 10,4 Km all’interno del centro storico di Perugia, è confermato l’autorevole abbinamento al 17° Criterium Nazionale Universitario, la disputa del 14° Criterium  Dipendenti  Gruppo UniCredit e la prova unica di Campionato Italiano di Corsa su strada per GIORNALISTI .

Comune di Perugia, Fondazione Cassa Risparmio di Perugia, Ufficio Scolastico Regionale, FIDAL sono i partners istituzionali di Grifonissima.

Conad, King Sport, Grifo Latte, Vitakraft, Piselli – Tedesco Group, NISSAN Star Car, Minimetrò,  Cus Perugia, USSI Umbria, Avanti Tutta, Protezione Civile Perugia, Croce Rossa Italiana, AUCC, Cane Sereno, Amico Peloso, Protezione  Civile Perugia sono le aziende ed associazioni che collaborano alla manifestazione.sc

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

SCARICA LA LOCANDINA

 

 

Scheggiacustica 2018, artisti italiani e internazionali per l’esclusivo tour musicale nei Luoghi da Ascoltare

ScheggiAcustica 2018, il festival dei Luoghi da Ascoltare, giunto alla sua nona edizione, dal 28 al 31 agosto ospiterà artisti italiani e internazionali lungo un esclusivo tour attraverso concerti (tutti gratuiti) e musiche da tutto il mondo che toccherà scenari di pregio incastonati nella dorsale appenninica tra le due regioni e nel Parco del Monte Cucco.

Tra i luoghi è compresa l’importante new-entry del Monastero di Fonte Avellana, storico complesso che sorge sul Monte Catria per la prima volta “palco” d’eccezione a ScheggiAcustica. Organizzato dall’associazione Tuttisuoni e realizzato con il prezioso sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e in collaborazione con GAL Alta Umbria, Camera di Commercio di Perugia e Comune di Scheggia e Pascelupo, oltre a quattro spettacoli serali il festival presenterà anche le novità di due concerti mattutini, di una sezione “pop” negli orari dell’aperitivo e di inediti seminari e master class.

SCARICA IL PROGRAMMA 

VISITA IL SITO

Spello, Torre San Severino torna a nuova vita dopo gli intverenti di restauro

Un altro importante bene culturale è stato restituito alla città di Spello. Si è tenuta domenica 5 agosto la cerimonia inaugurale di Torre San Severino, dopo gli interventi di ristrutturazione hanno consentito il recupero strutturale e funzionale della torre ubicata a pochi passi dalla porta dell’Arce e comunemente chiamata dei “Cappuccini” o “Albornoziana”, ossia in uno dei punti panoramici più suggestivi della città e particolarmente frequentato da cittadini e turisti.

All’inaugurazione, seguita dalla visita guidata di Torre San Severino e del Convento dei Cappuccini, sono intervenuti il Sindaco di Spello Moreno Landrini, l’Assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare Luca Barberini e il Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia Giampiero Bianconi ed altrautorità.

Università di Perugia, aule e tecnologie all’avanguardia per la didattica del futuro

Studenti sempre più connessi ed aule sempre più tecnologiche per portare la didattica nel futuro. L’Università degli studi di Perugia rafforza la propria competitività con una operazione di potenziamento e ammodernamento di diverse strutture dell’Ateneo. Due i progetti in corso sostenuti dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia con uno stanziamento di 900mila euro per il restyling e l’allestimento di nuovi spazi, soluzioni tecnologiche innovative e una copertura estesissima della rete wi fi.

Proprio nei giorni scorsi una delegazione Fondazione-Ateneo ha effettuato un sopralluogo delle strutture interessate dagli interventi:  il Presidente e il Segretario Generale della Fondazione, Giampiero Bianconi e Fabrizio Stazi, insieme al Rettore Franco Moriconi, al  Direttore Generale Tiziana Bonaceto, al Delegato per l’informatizzazione, agenda digitale e I.C.T. Giuseppe Liotta, alla Dirigente della Ripartizione Servizi informatici e Statistici Rosella Penci, oltre a Paolo Mugnaioli della Ripartizione Tecnica, all’ingegnere Francesco Paterna e al perito Catia Cagliesi.

Il primo progetto prevede la copertura wi-fi nelle aule universitarie così da assicurare agli studenti e all’utenza universitaria il pieno accesso alla rete wireless e da consentire l’utilizzo delle tecnologie informatiche a supporto della didattica e dei servizi d’Ateneo. L’aspetto innovativo del progetto riguarda l’uso di una tecnologia software sviluppata dalla Ripartizione Informatica dell’Ateneo, la quale permette di costruire la rete utilizzando dispositivi hot-spot a basso costo. Sono già stati collocati 276 access point tra le aule di via del Giochetto e del polo di Ingegneria, dell’area della Conca afferenti Farmacia, Giurisprudenza, Chimica e Fisica, di Agraria, Veterinaria e del Centro Linguistico d’Ateneo. Entro il 2018 saranno collocati altri 239 access point presso le aule di Fisica in piazza dell’Università, di Scienze Motorie (zona Pallotta), di Medicina nel Polo di Terni e nel Centro Storico. Gli interventi sono già conclusi all’aula 1 dei Dipartimenti di Economia e Scienze Politiche, all’aula A del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche e all’Aula 3 e 7 del Dipartimento di Giurisprudenza, mentre sono ancora in corso presso l’Aula studentesca autogestita.

Il secondo progetto verrà completato entro ottobre 2018 e prevede il restyling e l’ammodernamento delle aule con l’installazione di lampade a led a basso consumo energetico e di prese elettriche per la ricarica degli apparati elettronici da parte degli studenti. I lavori interessano le aule didattiche della zona di Via del Giochetto, del Dipartimento di Giurisprudenza, del Dipartimento di Economia, di Scienze Politiche e del corso di laurea in Scienze Motorie. Sono previsti, inoltre, la realizzazione dell’aula studentesca autogestita presso Giurisprudenza, la riqualificazione dell’Aula Magna a Scienze degli Alimenti, la realizzazione del Laboratorio di Olfattometria presso il Polo di Ingegneria a S. Lucia e la realizzazione di 7 nuovi laboratori presso l’edificio B degli ex Istituti Biologici destinati al Dipartimento di Chimica Biologia e Biotecnologie e di Scienze Farmaceutiche.

“Il fondamentale supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia – ha dichiarato il Magnifico Rettore, Prof. Franco Moriconi – ci ha permesso di fare un’ulteriore, importante balzo in avanti nell’eccellenza dei servizi informatici e didattici forniti dall’Ateneo. Il mio ringraziamento va naturalmente alla Fondazione, partner per noi imprescindibile nella condivisione e nel perseguimento degli ambiziosi obiettivi strategici che ci siamo prefissati e che vedono coinvolto non solo l’Ateneo ma il territorio nel suo insieme. Vorrei inoltre cogliere questa occasione per ringraziare il personale della ripartizione informatica dell’Ateneo per la dedizione dimostrata e la grande qualità del lavoro svolto, non solo nel dare esecuzione a questo progetto ma in ogni altra area di competenza. Lavoro che, tra le altre cose, è risultato fondamentale per mantenere anche quest’anno la prima posizione nella classifica Censis”.

“La sfida che abbiamo raccolto – ha detto il Presidente Giampiero Bianconi – è strategica per un’Università che vuole confrontarsi su scala internazionale. Per questo ascoltiamo con attenzione le necessità che ci vengono espresse e poi, con tempismo e trasparenza, verifichiamo insieme lo stato dei lavori. Quelli che si stanno concludendo sono interventi fondamentali per le strutture, ma il nostro contributo mira anche a miglioramenti nella ricerca e nella formazione che sono il vero volano per un duraturo sviluppo economico e sociale. L’Università è un ottimo biglietto da visita di Perugia per la cultura, per questo la aiutiamo a formare studenti sempre all’altezza delle aspettative del mondo della ricerca e del lavoro”.

GUARDA IL VIDEO

Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia